CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Alle Orsoline dieci alunni diventano “testimonial” contro il fumo

Più informazioni su

L'iniziativa è stata presentata oggi alla sede della scuola. Gli studenti cercheranno di sensibilizzare compagni ed amici a non iniziare con le sigarette. Tutti i dettagli di questo singolare progetto al via.

“Il fumo uccide”. Oggi, a Como, ce lo ricordano i più piccoli. Ed è per questo che 10 alunni di seconda media dell’Istituto Orsoline San Carlo di Como, scelti come leader, formeranno quasi 80 coetanei della stessa scuola per convincerli a non iniziare a fumare. Come noto i recenti dati Doxa indicano che il 56% della popolazione italiana inizia a fumare prima dei 17 anni, un dato preoccupante che merita attenzione e nuove moderne azioni di sensibilizzazione se aggiungiamo che nel 2011 il numero di fumatori è incrementato rispetto il 2010 (dal 21,7% al 22,7 %).  Il progetto “Peer Education” è già stato collaudato in America per risolvere il problema dell’alcolismo e della droga, ora arriva per la prima volta a Como.

 

“Questa volta – ha detto il professor Luca Levrini dell’Università dell’Insubria – attraverso la peer education non saranno degli insegnanti che formeranno i ragazzi e li educheranno,ma saranno gli stessi ragazzi coetanei a rappresentare il modello da seguire per gli altri”. In itinere tutti gli alunni hanno elaborato un cartello “Vietato fumare” partecipando ad un concorso che vede il vincitore come quello che ha saputo ideare lo strumento comunicativo più efficace e più originale per trasmettere ai compagni la pericolosità del fumo. “Obiettivo dei leader – continua Luca Levrini- è che dovranno iniziare il loro lavoro non solo in ambito scolastico ma soprattutto al di fuori,nei momenti di vita quotidiana,tra amici”.

Più informazioni su