CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

A processo per il concorso dei vigili di Como: il via a novembre

Più informazioni su

Lo ha deciso oggi il giudice Alessandro Bianchi. Dibattimento anche per il comandante della polizia locale cittadina Vincenzo Graziani. Nei guai pure il capo di Gabinetto: per lui accusa di falso e rivelazione. Vanno tutti a processo per il concorso dei vigili urbani. Lo ha deciso oggi il Gup di Como Alessandro Bianchi, accogliendo in pieno la richiesta del Pm Massimo Astori. A finire in aula, dal prossimo 17 novembre, saranno il comandante della polizia locale cittadina Vincenzo Graziani, poi il capo di gabinetto del Comune Tullio Saccenti ed Antonella Rosati, funzionario regionale, tutti componenti della commissione esaminatrice, accusati dalla Procura di falso per avere modificato la graduatoria dei candidati partecipanti a quel concorso in modo decisamente poco ortodosso. A giudizio anche la segretaria di quella Commissione, Alessandra Saccenti, stesse accuse anche per lei.

Il fratello Tullio ed un vigile, Bruno Polimeni, sono accusati anche di aver anticipato le tracce della seconda prova scritta ad alcuni dei partecipanti, cercando in questo modo di favorirli rispetto agli altri. La vicenda è del novembre del 2007 ed ha preso le mosse dopo la denuncia di un concorrente che ha ritenuto di essere stato penalizzato in quel concorso. Ora la parola passa all'aula: i cinque compariranno davanti ai giudici a metà novembre per un processo che dovrà cercare di fare piena luce su una vicenda che appare sempre più come un brutto pasticcio.

Più informazioni su