CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

2 giugno e “solite” polemiche sul Lario: i leghisti non si vedono

Più informazioni su

Come già avvenuto negli anni scorsi, i rappresentanti del Carroccio disertano la festa della Repubblica in piazza Duomo a Como. Carioni, il presidente della Provincia, non manda alcun rappresentante. Quasi incidente diplomatico. Un caso. L'ennesimo dopo quello del 17 marzo quando per l'Unità nazionale i rappresentanti della Lega Nord non si sono visti negli incontri istituzionali. Oggi, festa della Repubblica, a Como il bis. Niente esponenti del “Carroccio” in piazza Duomo per la ricorrenza. Né assessori, né consiglieri comunali. Un'assenza ormai “solita” per il 2 giugno, ma che non è passata inosservata. Come pure quella di tutti i rappresentanti dell'Amministrazione provinciale. Non c'era il presidente Carioni per un impegno precedente, ma neppure ha mandato qualcuno – come il presidente del consiglio Ferdinando Mazara – a sostituirlo. “Non c'è un motivo, non abbiamo potuto esserci” tronca corto Carioni che in serata, però, ha preso parte al ricevimento di Villa Erba organizzato dal Prefetto.

Polemiche a parte, il 2 giugno a Como è stata l'occasione per ribadire l'importanza ed il valore di questa festa. Lo hanno ricordato stamane sia il sindaco Bruni, nel suo discorso in piazza Duomo, che il Prefetto Michele Tortora. Cerimonia preceduta dall'inno nazionale, poi consegna della bandiera tricolore e di una copia della Costituzione italiana ai neo-diciottenni comaschi.

Più informazioni su