CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Stangata in arrivo per gli automobilisti lariani: cresce il costo Ipt

Più informazioni su

Effetto pratico del federalismo fiscale secondo le infuriate associazioni dei consumatori. Forti apprensioni per agenzie di pratiche auto e concessionari del territorio. Per un normale 2.000 previsto un aumento del 200%! Si chiama federalismo fiscale, ma si traduce stangata per molti automobilisti. Per i movimenti dei consumatori – tutti mobilitati e riuniti sotto un'unica sigla, Casper – altro non è che un salasso per chi d'ora in poi dovrà acquistare un'auto. Nuova o usata non fa differenza. Perchè secondo i consumatori – ai quali si uniscono concessionarie ed agenzie di pratiche auto della provincia – questo federalismo fiscale andrà ad incidere e pesantemente sulla cosiddetta Ipt, imposta provinciale di trascrizione che è dovuta all'Amministrazione provinciale. Cambiamo, infatti, i parametri utilizzati per il calcolo dell'imposta, ora individuati in base a potenza e classe di inquinamento della vettura.

La stangata in arrivo per le tasche degli automobilisti non sarà per tutte le auto, ma solo per alcune vetture. Le più potenti, tanto per intenderci. Perchè per quelle fino 53 kilowatt di potenza pagheranno per immatricolazione o passaggio di proprietà un'Ipt fissa di 196 euro. Da 54 kilowatt in su l'imposta cresce in base alla potenza. E la Provincia di Como ha già scelto – è una sua discrezione – di applicare la cifra più alta possibile. Facendo lievitare i costi per le pratiche come ha già verificato il mensile “Quattroruote”. Due esempi abbastanza comuni, ma che la dicono lunga sui salassi in vista se il federalismo fiscale diventasse legge (per il momento è stata solo approvata). Aumento dell'80% per una normale e comune Golf 1,6 diesel: dai 196 euro di oggi, l'Ipt salirebbe a 352. Peggio ancora per un 2.000. Da 196 euro a 571, quasi il 200% in più.

E mentre il Codacons, con il responsabile provinciale Mauro Antonelli, alza la voce – "E dire che il federalismo non doveva incidere sulle tasche dei cittadini – ecco che l'assessore al bilancio della Provincia, Patrizio Tambini, ammette che l'Ipt è una voce improtante per le casse asfittiche dell'Ente. E garantisce:"Terremo l'aliquota molto bassa".

Più informazioni su