CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Residence delle squillo a Como, adesso si cercano conti e soldi

Più informazioni su

Finanza e Procura di Como al lavoro in questo fine settimana tra documenti, Pc ed agende sequestrate in via Carso l'altra sera. Fine settimana in carcere per i due nei guai. I clienti più facoltosi segnati in rosso…

Adesso si cercano i riscontri ai sospetti. E si scava tra le carte sequestrate al residence di via Carso 65, 12 appartamenti e 3 monolocali usati da prostitute straniere – quasi tutte del sud-america – per intrattenersi di giorno e di sera con decine di clienti. Un gran via vai nel piccolo cortile interno della struttura secondo quanto riferiscono i residenti e quanto hanno anche accertato gli agenti della polizia tributaria della Finanza. Fiamme gialle e Procura alla ricerca dei conti e dei soldi riferibili alla coppia Elsa Pircher e Giuseppe Giani, i due arrestati, anche per capire la vastità di questo giro che – così riferisce chi abita in zona – andava avanti da tempo. Non certo qualche mese. Ed i riscontri all'attività degli inquirenti dovrebbero arrivare non solo dai documento messi sotto sequestro giovedì sera nel corso dell'impoennte blitz dei finanzieri con decine di persone impegnate, ma anche dai Pc trovati nel residence per accertare la contabilità della struttura. Ci vorrà tempo, comunque, sarà un lavoro lungo.

I finanzieri hanno trovato e portato in caserma anche diverse agende, probabilmente riferibili ad alcune delle giovani “squillo” che lì abitavano e ricevevano i clienti: autentiche miniere da scoprire tra appuntamenti cerchiati in rosso – per i clienti più facoltosi – numeri di telefono e tariffe praticate. Al momento, però, i quasi 400 clienti arrivati nelle ultime settimane non dovrebbero essere convocati in caserma. La 73enne Elsa Pircher ed il 64enne Giani trascorrono il fine settimana in carcere. Sono accusati si sfruttamento della prostituzione. Lunedì interrogatorio di convalida con il Gip di Como che ha firmato l'ordinanza di custodia in cella. La donna potrebbe ottenere, vista età e stato di salute, i domiciliari.

Più informazioni su