CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La maxi-frode al fisco con le false fatture: oggi patteggiano in 28

Più informazioni su

Conclusa una inchiesta dai numeri enormi. Complessivamente una ventina di anni di carcere per gli imputati. La pena più alta per il presunto autore del colossale raggiro all'Iva, un luganese. Ingenti i sequestri effettuati. Hanno patteggiato in 28. Pene complessive per quasi 20 anni di reclusione. Da un minimo di 8 mesi ad un massimo di due anni e quattro mesi con incluso risarcimento del danno. E l'inchiesta dai numeri elevati, quella del Pm Giuseppe Rose e della Polizia Tributaria di Como, si conclude con il recupero della quasi totalità dei soldi che sarebbero stati elusi al fisco con le false fatture: oltre 200 milioni di euro di Iva non versata dalla società Ma. Ev di Turate, la capofila di questo colossale raggiro scoperto dalla Finanza dopo diversi accertamenti. A dire il vero la scoperta è arrivata grazie anche agli accertamenti dell'Agenzia delle dogane sull'operato di questa ditta che si occupava di commercializzare prodotti elettronici.

In 28, come detto, oggi hanno definito le loro posizioni davanti al Gup di Como Luciano Storaci. Che ha ritenuto congue le pene definite davanti al Pm in sede preliminare nei mesi scorsi. In tutto, come detto, una ventina di anni di carcere che quasi nessuno farà. Ma tutti hanno avuto danni patrimoniali per questo raggiro. Dai principali responsabili cui sono state portate via auto, case, terreni e soldi, ai minori responsabili. Cinque hanno scelto il processo. Tutti gli altri hanno definito oggi le posizioni. La pena più alta per l'imprenditore luganese Paolo Falavigna, considerato il vero ideatore di questo colossale truffa al fisco con l'hi-tech. Due anni e quattro mesi patteggiati ed un rimborso di 100.000 euro in contanti, più alcuni beni che gli sono stati sequestrati. Sotto chiave anche una villa a Grandate di Alberto Aliverti (10 mesi definiti per lui), mentre un anno e mezzo sono stati patteggiati dall'imprenditore erbese Giampiero Cellerino, pure lui accusato di associazione per delinquere.

Più informazioni su