CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, ecco il venerdì nero: corteo e poi i mezzi pubblici fermi

Più informazioni su

Si prevede una giornata difficile sulle strade della città. Lo sciopero della Cgil rischia di coinvolgere migliaia di persone. A rischio anche altri servizi pubblici: dalla sanità alle poste, dalla scuola ai comuni. IL dettaglio. Un venerdì molto difficile per Como e l'intera provincia. Con un possibile black-out dei servizi e dei mezzi di trasporto per lo sciopero nazionale indetto dalla Cgil contro la politica economica del Governo. A fermarsi, domani, saranno in tanti. Dai mezzi pubblici al personale della scuola pubblica e privata (nidi e mense chiusi un pò ovunque), dipendenti di poste, sanità e pubblico impiego fino ai comuni ed ai dipendenti dei settori di ristorazione, farmaceutici ed imprese di costruzioni e di pulizia. Una giornata a forte rischio caos, questo è ovvio.

Per i mezzi pubblici a Como, queste le limitazioni

Asf: dalle 10 alle 14 fermi, poi servizio regolare per tutta la giornata. Fermo il personale impiegatizio per 8 ore.

Treni Nord: agitazione dalle 20 alle 24, treni Stato dalle 14 alle 18.

Battelli navigazione fermi dalle 9 alle 13, funicolare per Brunate dalle 10 alle 14.

A Como domattina è in programma anche il corteo organizzato dal sindacato. La Cgil ha dato appuntamento ai partecipanti alle 8,45 a Erba (stazione), Cantù (piazzale piscina) e Lomazzo (stazione) per poi raggiungere Como dove un corteo partirà tra le 9,30 e le 10 da via Milano alta. Conclusione in piazza Cavour. Facile prevedere forti disagi al traffico.

Più informazioni su