CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Finto prete in aula con la barella per la tensione: tre anni di cella

Più informazioni su

La condanna emessa dal giudice monocratico di Como Francesco Angiolini. L'uomo, 60 anni monzese, aveva già disertato una precedente udienza per un malore. Ieri è stato portato in Tribunale dal personale del 118. Tre anni per i falsi permessi di soggiorni rilasciati agli extracomunitari. Che con fiducia si rivolgevano a lui pensando fosse un sacerdote come lui si presentava in abiti religiosi. Invece, secondo Procura di Como e polizia, era un truffatore a tutti gli effetti. Che si faceva consegnare i soldi dagli stranieri – molti anche sul Lario – per avviare pratiche relative ai rilascio di questi permessi, non validi all'atto pratico. Lui, Massimo Girelli, monzese di 60 anni, spesso attestava falsamente di essere lui il datore di lavoro. Ieri la condanna dopo essere stato portato in aula, davanti al giudice monocratico Francesco Angiolini, in barella dal personale del 118: tradito ancora dalla tensione che già nelle scorse settimane gli aveva fatto saltare la precedente udienza per un malore. Stavolta il 118 lo ha accompagnato in Tribunale ed ha preso parte al processo con medici ed infermieri al fianco. Girelli, che avrebbe emesso decine di falsi documenti dal 2008 al 2010, non ha battuto ciglio alla lettura della sentenza. Che ricalca in pieno la richiesta del Pm Maurizia Vezzoli.

Più informazioni su