CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Addio a Vittorio, il saluto della mamma:”Non chiamatelo eroe…”

Più informazioni su

Tutta Bulciago oggi si è stretta attorno alla famiglia Arrigoni per il saluto al figlio ucciso barbaramente a Gaza il 14 aprile. La donna in lacrime:”Lui difendeva i diritti umani”. Addio struggente. Con il cuore gonfio di emozione e le lacrime sul volto di quasi tutti. Parenti, familiari, amici. Ma anche semplici cittadini di Bulciago e della brianza lecchese e comasca che hanno deciso di trascorrere il pomeriggio di Pasqua per il saluto a Vittorio Arrigoni, il 36enne volontario lariano ucciso barbaramente il 14 aprile a Gaza da un gruppo di terroristi. Erano in tanti oggi, sotto il sole caldo, per dire addio a “Vik”. Un dolore composto da parte dei familiari, in prima fila a seguire tutta la lunga cerimonia. La mamma di Arrigoni, Egidia Beretta, ha preso la parola nei minuti conclusivi. La voce rotta dall’emozione:”Non chiamatelo eroe, nè martire. Il mio Vik era semplicemente uno che difendeva i diritti umani di tutti. Ha pagato con la vita questo suo impegno”. E poi da lei il grazie a tutti per la calorosa partecipazione al loro dolore fin dal primo giorno.Alla cerimonia di oggi in molti si sono presentati con rami di ulivo, altri con bandiere della pace, altri ancora con foto di Vittorio e qualche striscione di commovente saluto.

Più informazioni su