CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La Paganese resiste, Como bloccato: punto che serve a poco!

Più informazioni su

Doveva essere la partita decisiva ma il pari consegna agli azzurri solo amarezza. Quasi dieci minuti di recupero. Il palo di Germinale nel primo tempo occasione ghiotta. Play-off più lontani. Le pagelle di Molteni Le premesse per aspettarsi una bella partita c’erano tutte anche se in settimana mister Brevi aveva messo in allarme per il probabile atteggiamento difensivo della Paganese e i dubbi si sono trasformati in certezze. I prezzi agevolati hanno prodotto una buona affluenza di tifosi al Sinigaglia ma il risultato alla fine è stato un pareggio a reti inviolate che ha lasciato molto l’amaro in bocca ai supporters azzurri per come è venuto. Un Como che ha faticato per tutta la gara nel tentativo di scardinare la linea Maginot messa in piedi dal mister campano Capuano e, alla fine, senza riuscire a concretizzare proprio niente. Le assenze di Riva, Morandi e Filipe hanno pesato di sicuro ma l’atteggiamento della squadra non è stato tale da registrare un cambio di marcia nel corso della gara. Diversamente dal recente passato si sono viste poche occasioni, tanta perdita di tempo da parte degli ospiti e poco spettacolo. La partita determinante, così era stata definita dal mister lariano, consegna alla classifica un solo punto e tanta amarezza: l’avvio vede una Paganese spregiudicata andare in avanti e provarci con una bordata dal limite che sorvola di poco la traversa della porta comasca, gli azzurri cercano di accendere il turbo ma non trovano corridoi utili, i varchi sono presidiati molto bene dai ragazzi di mister Capuano che raddoppiano e triplicano le marcature su Maah e Germinale, Franco non trova le giocate alle quali ci ha abituato e il gioco ne risente pesantemente mentre dalla parte destra Bardelloni è fuori dai giochi. Un lampo arriva al 35’ quando Germinale, sul filo del fuorigioco, riesce di testa a colpire il palo della porta avversaria ma, nonostante le speranze dei tifosi, tutto si esaurisce qui. La ripresa vede gli ospiti, col trascorrere dei minuti, arroccarsi sempre più mentre i comaschi non accendono la lampadina del gioco, all’83’ Filippini ci prova con un missile dal limite ma è bravo Ginestra a parare a terra. Per gli ospiti ogni occasione per perdere tempo è buona e alla fine ci saranno ben 10’ di recupero e sei ammoniti tra i campani. Il pubblico fischia questo atteggiamento ma il finale consegna ai taccuini una tra le più brutte partite viste recentemente allo stadio cittadino. Le speranze per arrivare ai play off rimangono anche se la strada si fa sempre più in salita e domenica prossima la trasferta di Salerno sarà certamente la tappa che dirà quale finale attenderci. LE PAGELLE DI MARIO MOLTENI CASTELLI: 6 Giornata tranquilla, mai impegnato. SEMENZATO: 6 Partita ordinata, gli attaccanti della Paganese non pungono. FRANCO: 6- Dal capitano ci aspettiamo sempre qualcosa di più. Purtroppo gli hanno chiuso tutti i varchi e lui non è riuscito a trovare l’apriscatole. CONTI: 6 Chiaramente anche per lui non è stata una giornata impegnativa. ZULLO: 6+ Fa vedere che il carattere non gli manca, gli si prospetta un buon futuro. ARDITO: 6/7 Stringe i denti e va. Colpito duro dopo pochi minuti resiste e cerca di dare ordine ma non basta per vincere. FILIPPINI:6 Oggi non gli riesce di trovare lo spunto vincente, peccato. FAUTARIO: 6- Si vede che non è il suo ruolo anche se si impegna. GERMINALE: 6 Il bomber a volte arretra fin nella propria metacampo per trovare palle giocabili. MAAH: 6 Non è al meglio e lo si vede bene. BARDELLONI : 5 Fuori dagli schemi, tutti gli spazi sono chiusi e la squadra non lo cerca.

Più informazioni su