CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Dal pentito della ndrangheta spunta anche un omicidio comasco

Più informazioni su

E’ quello avvenuto nell’aprile del 2009 in un maneggio di Bregnano. Il corpo della vittima fatto sparire. Quattro i responsabili. Il dettaglio emerge dal nuovo blitz della Dda di Milano. Un omicidio fatto a Bregnano. In un maneggio – La Masseria – nell’aprile del 2009. Esattamente due anni fa. Ma del quale nessuno ha mai saputo nulla visto che il corpo della vittima è stato fatto sparire. Puro stile “Lupara bianca”: delitto e corpo scomparso. A rivelare i dettagli l’ex capo della ndrangheta di Giussano, Antonio Belnome, ora passato dall’altra parte della barricata. E’ stato lui, ma non solo, a fornireimportanti riscontri agli uomini della DDa di Milano (Direzione distrettuale antimafia) che hanno potuto ricostruire non solo questo tragico evento. Ma anche altri tre avvenuti in Lombardia tra 2008 e 2009. Il delitto di Bregnano è dell’aprile 2009, come detto. E la vittima è Antonio Tedesco, un pò troppo sbruffone – emerge dalle carte dell’inchiesta – per poter resistere a lungo. Ed infatti durante una cerimonia (finta) di un suo ingresso nell’organizzazione, nel maneggio di Bregnano, viene freddato. I responsabili, sempre secondo Belnome, sarebbero in quattro: non solo il titolare del maneggio, Salvatore Di Noto, ma pure Sergio Sestito, Maurizio Napoli e Antonio Carnovale. L’ordine di esecuzione arrivato direttamente dalla Calabria per punire Tedesco che spesso si è vantato di avere avuto molte donne tra cui alcune da non poter “toccare” neppure. Nelle ultime ore, intanto, altri 19 arresti da parte della Dda milanese: a finire in cella presunti affiliati del Nord Italia della Ndrangheta.

Più informazioni su