CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

I rifiuti con l’amianto della Ticosa, è assolto l’imprenditore Binda

Più informazioni su

La decisione del giudice monocratico di Como Cecchetti. Lui ed i difensori si erano sempre battuti per far passare questa tesi: lavori svolti regolarmente dopo aver vinto l’appalto per l’ex tintostamperia. Assolto per non aver commesso il fatto. Lo ha deciso oggi il giudice monocratico di Como Carlo Cecchetti nel processo all’imprenditore erbese Roberto Binda, finito in aula per rispondere di irregolare smaltimento dei rifiuti della Ticosa. Per lui il Pm di udienza, Errante Parrino, aveva sollecitato una ammenda di 10.000 euro in sede di requisitoria. Per Binda ed il suo collegio di difesa un riconoscimento pieno di quello che hanno sempre sostenuto da tempo, da quando è scoppiata questa vicenda: l’assoluta estraneità dai fatti contestati dalla Procura di Como. Vale a dire l’aver smaltito l’amianto assieme ai detriti della ex tintostamperia cittadina abbattuta. L’imprenditore erbese e la sua azienda si erano aggiudicati l’appalto per questi lavori successivi all’opera di demolizione del fabbricato.

Più informazioni su