CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Al Santuario la gente non si ferma più:”Mai parlato di miracolo”

Più informazioni su

Lettera aperta del rettore della chiesa di Maccio di Villaguardia:”Non abbiamo nulla da nascondere, rimangono i segni sull’altare”. Ancora tante persone presenti tra cui ammalati. Il flusso di persone non si ferma più. Fedeli, curiosi, ammalati, ma anche anche chi è scettico. Entrano al Santuario di Maccio di Villaguardia e si fermano a guardare, pregare. Si avvicinano all’altare per cercare i segni lasciati dall’acqua uscita dallo stesso durante momenti di preghiera negli anni scorsi. Tanto che ora il rettore del Santuario dedicato alla Santissima Trinità Misericordia – don Luigi Savoldelli – esce allo scoperto con una lettera aperta. E precisa di non aver mai parlato di miracolo:”Semplicemente ho comunicato quello che, con altre persone, abbiamo visto nei momenti di preghiera. Senza dubbio molte persone sono state poi attirate dall’onda emotiva suscitata dai mezzi di informazione”. Poi la replica a scettici e chi la pensa in modo differente:”Ci siamo sempre preoccupati di evitare sensazionalismi. Le verifiche scientifiche richieste a suo tempo dal vescovo di Como Diego Coletti sono servite a certificare la natura del liquido presente. Ben vengano altre verifiche: qui a Maccio non abbiamo nulla da nascondere”.

Più informazioni su