CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Finisce il nero 2010, anno degli ergastoli e del delitto in armeria

Più informazioni su

Olindo e Rosa riconosciuti colpevoli della strage di Erba ad aprile anche a Milano in appello. Carcere a vita per Panarisi ed il complice Capellato, poi anche per il fisioterapista che ha gettato la moglie nel lago di Como. E' stato l'anno degli ergastoli. Quello che sta per chiudersi sarà ricordato come quello della condanna bis ad Olindo Romano e Rosa Bazzi per la strage di Erba. Riconosciuti colpevoli anche in appello ad aprile, a Milano, della tremenda mattanza in via Diaz: quattro vittime ed un superstite che poi li ha inchiodati, Mario Frigerio. Nei prossimi mesi, a Roma, l'ultimo grado di giudizio: la corte di cassazione. Ergastolo anche, dieci giorni prima del Natale, dai giudici della Corte di Assise di Como per Leonardo Panarisi ed Emanuel Capellato, ritenuti gli autori del delitto di Antonio Di Giacomo in centro città, poi caricato sul suo furgone giallo e lasciato a Tavernerio dove è stato ritrovato.

Carcere a vita inflitto dall'Assiser criminale di Lugano anche a Marco Siciliano, fisioterapista ticinese di 32anni. Ad aprile la scoperta del cadavere della moglie, Beatrice Sulmoni, incinta di quattro mesi, nel lago di Como a Laglio, a novembre la sentenza. Senza scampo per l'uomo che ha ammesso il delitto perchè ormai la consorte era diventata d'intralcio alla sua relazione con l'amante. Nel 2010 anche la conferma della pena per don Mauro Stefanoni, ex parroco di Laglio: otto anni, secondo i giudici di Milano di appello, per molestie sessuali ad un ragazzo minorenne del paese.

Ma il 2010 è stato anche l'anno di altri tremendi fatti di cronaca. Il più agghiacciante – rivissuto ieri in Tribunale nella prima udienza – il delitto nell'armeria di Alberto Arrighi in via Garibaldi. Per lui rito abbreviato e sentenza a febbraio, un anno dopo aver ucciso quello che voleva diventare suo socio in affari ed averlo poi orrendamente decapitato, Giacomo Brambilla. Coinvolto, in pieno, pure il suocero di Arrighi, Emanuele La Rosa, finito per sei mesi al Bassone ed uscito ad agosto.

Più informazioni su