CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Altra truffa on-line, adesso con la scusa dei cani del Camerun

Più informazioni su

Una cinquantina le segnalazioni dalla provincia di Como per persone finite nella rete di finti preti. Ecco il loro ingegnoso sistema per raggirare la gente. Richieste fino ad oltre 4.000 euro per un animale che non c'è. Un'altra truffa che viaggia on-line. E che ha coinvolto un numero considerevole di comaschi: una cinquantina quelle che hanno già presentato denuncia alle autorità per essere state raggirate su internet con la scusa di aiutare finti preti che sollecitano il pagamento di cifre – dalla prima tranches di 160 euro ad un massimo di oltre 4.000 euro – per regalare un cane di razza che si trova all'estero. E per questo chiedono ale persone un contributo economico per il trasporto aereo. Inizialmente 160 euro, come detto. Ma dopo alcuni giorni, al posto di vedere arrivare un cucciolo che non esiste, ecco che i truffati si vedono arrivare altre richieste di denaro per non ben precisate spese tra cui spese legali e l'acquisto di una gabbia per il trasporto. La stragrande maggioranza delle vittime si ferma al primo pagamento da quanto fa sapere l'associazione italiana difesa di animali ed ambiente. Il viaggio di questi cani, in realtà, è una truffa bella e buona. Organizzata da persone senza scrupolo che si trovano in Camerum.

L'associazione invita eventuali vittime a mettersi subito in contatto – con denuncia – alla polizia postale oppure con la sede della stessa. Comunicazioni mail: canicamerun@libero.it, recapito telefonico 392 – 6552051.

Più informazioni su