CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, la clamorosa novità: riparte la trattativa per la cessione

Più informazioni su

Quando tutto sembrava chiuso, ecco il colpo di scena. Merito anche dell'imprenditore Binda che ha riavvicinato dirigenti ed imprenditori bresciani. Rivetti sarebbe liquidatio anche se potrebbe rimanere vicino al club. Chi ci capisce qualcosa, adesso, è davvero bravo. Perchè lunedì sera, in diretta ad “Io Mister”, le due parti si sono mandate letteralmente al diavolo. Salvo poi fare marcia indietro e rimettersi a trattare sulla cessione del Como neppure 24 ore dopo. Con un esito dell'incontro di ieri davvero sorprendente e clamoroso, confermato sia pure con la massima discrezione oggi da tutti. Trattativa del tutto riaperta dopo che Antonio Di Bari e pure il suo vice Amilcare Rivetti avevano detto basta: non si parla più con i bresciani. Invece la trattativa è tuttora aperta e con possibili sviluppi concreti. Merito anche di un Nini Binda che, pure se socio di minoranza, ha cercato di stemperare la tensione e cercato di ricucire gli strappi. Tanti, notevoli. Il buon senso di tutti sembra aver avuto un ruolo importante.

Tanto è vero che l'incontro di ieri – e questo è ancora più clamoroso se si pensa alle pesanti bordate di lunedì sera in tv – si sarebbe concluso con un doppio accordo: Di Bari e Rivetti attendono le liquidazioni – sotto forme diverse – anche se l'attuale vice presidente potrebbe restare in società. Non fuori del tutto. L'intesa sarebbe stata raggiunta, con la mediazione anche dei commercialisti Cordini per Lanzanova e Puntello per il Como, sul premio di valorizzazione di Gianluca Zambrotta. Così sembra. Almeno per oggi. Ma domani si vedrà….

Più informazioni su