CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Livo sotto choc per il folle delitto. “Denunciami…” e l’ha uccisa

Più informazioni su

Si ricostruiscono i particolari dell'omicidio avvenuto ieri nel piccolo centro dell'alto lago di Como. La vittima si è rivolta in questo modo al vicino di casa dopo che lui si è lamentato delle sue capre in giardino. Un paese attonito, sotto choc. Livo il giorno dopo lo sconcertante ed assurdo delitto avvenuto ieri pomeriggio. Con Valindo Rossini, 62enne operaio, che ha ucciso a colpi di pistola una sua vicina di casa, allevatrice di 59 anni, Pierina Alietti. “Se le mie capre ti danno fastidio, allora denunciami…” le sue ultime parole. L'uomo, già in lite con lei una ventina di anni fa, a quel punto ha premuto il grilletto della pistola che aveva in mano. Una Beretta calibro 9, illegalmente detenuta. Due colpi a bruciapelo dopo che le parole della donna lo hanno riportato a quella vicenda con strascichi processuali. Ormai sepolta. Ma non nella sua mente.

Rossini ha capito subito di averla uccisa. Lucido, ha preso l'auito e si è dirertto alla caserma dei CC di Gravedona. Qui nel parcheggio, ha incrociato un militare che stava entrando. “Ho ucciso la mia vicina” gli ha detto secco. Poi ha mostrato la pistola che aveva con sé ed è stato fatto entrare in ufficio. Dove ha iniziatio a spiegare il folle movente di questo delitto che ha scosso l'alto lago. Rossini, da iweri sera al Bassone, verrà interrogato lunedì mattina dal Gip di Como per la convalida del fermo per omicidio volontario. L'autopsia sul corpo della donna la prossima settimana: data del funerale ancora da decidere.

Più informazioni su