CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Tensione nell’aula della Corte di Assise tra gli imputati:”Infame!”

Più informazioni su

Leonardo Panarisi, in una pausa del processo che lo vede imputato del delitto di Antonio Di Giacomo, non nasconde la propria rabbia verso il co-imputato Capellato. Poi viene portato via dagli agenti. "Io sto rischiando la mia vita, infame… E' stato male solo la volta dell'esame, oggi sta bene. Fatti interrogare…". L'aula della Corte di Assise è quasi vuota, il processo per il delitto del furgone giallo è fermo per una pausa. Ma nella gabbia uno dei due imputati – un furente Leonardo Panarisi – fa sentire la sua voce verso il co-imputato Capellato. Che resta zitto, guardato a vista dagli agenti della polizia penitenziaria. Gli stessi che, poco dopo, portano via dalla sua gabbia Panarisi. Tensione alta in vista della requisitoria di Antonio Nalesso, il Pm che oggi farà le sue conclusioni sulla vicenda. Panarisi sa che sta rischiando molto e non ha nascosto il suo nervosismo. Il presidente della Corte di Assise, Vittorio Anghileri, ha chiesto a Capellato se vuole fare dichiarazioni. "No" la sua secca risposta. E così è stata chiusa la fase delle testimonianze. Ora si entra nel vivo con la discussione. Inizia a parlare il Pm Nalesso.

Più informazioni su