CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La vendita del Como bloccata dalla neve:”Ma non è una scusa”

Più informazioni su

Gli imprenditori bresciani che vogliono rilevare la società promettono tempi rapidi per definire la trattativa. Ma Di Bari e Rivetti sono molto contrariati. Il Verona, intanto, raggiunge gli azzurri a quota 16 punti. "Non è una scusa e lo vogliamo ripetere a chiare lettere. A Como ci saremo già oggi per definire i dettagli dell'accordo. La firma ci sarà in questi giorni". Fabrizio Cordini ed Abele Lanzanova insistono nel ripetere che il rinvio di ieri – del passaggio di quote e proprietà bnello studio del notaio Leoni di Erba – è solamente dovuto al maltempo. Niente altro. Fatto sta che questo stop ad una trattativa che sembrava ormai definita, sembra aver irritato non poco il presidente Di Bari ed il suo vice Rivetti. Quest'ultimo, dopo le esternazioni dei giorni scorsi, sembra essere rientrato nei ranghi ed essersi adeguato alle esigenze del gruppo per cedere la società. Ma gli imprenditori comaschi che con lui erano in contatto nei giorni scorsi sembrano aver poco gradito questo rinvio. Una situazione in costante evoluzione e che potrebbe anche registrare altre sorprese.

La squadra, intanto, sta preparandosi alla sfida di Monza con grossi problemi legati alla neve. Campo di alenamento impraticabile ad Orsenigo. Da trovare altre soluzioni per oggi e domani. Ieri, intanto, pari (1-1) nel recupero tra Verona e Sorrento. Veneti in vantaggio, poi raggiunti nella ripresa dai campani che in classifica restano primi con due punti di vantaggio sul Gubbio. Il Verona sale a quota 16 ed appaia Como e Pavia. Oggi pomeriggio, intanto, azzurri in amichevole a Bovisio Masciago contro la formazione Beretti: questo è uno dei pochi campi a disposizione dopo la neve caduta ieri.

Più informazioni su