CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Don Mauro condannato anche a Milano per gli abusi sul giovane

Più informazioni su

Stessa pena inflitta a Como in primo grado per l'ex parroco di Laglio: otto anni di reclusione. Stamane, in aula, la richiesta di assoluzione da parte del religioso che resta sospeso da tutti gli incarico dalla Diocesi. 8 anni di reclusione. Come in primo grado a Como. Per la violenza sessuale su un ragazzino minorenne di Laglio. Anche i giudici della Corte di appello di Milano hanno confermato oggi la condanna a don Mauro Stefanoni, ex parroco di Laglio. Confermando in pieno le conclusioni dei colleghi lariani. Nonostante la pressante richiesta dei suoi legali, Martinelli e Bomparola, ad assolverlo. E nonostante la dichiarazione d'innocenza fatta stamane, in aula, dallo stesso ex sacerdote di Laglio. I giudici milanesi lo hanno ritenuto colpevole di questi abusi che sarebbero avvenuti a Laglio, nella casa parrocchiale secondo gli accertamenti della polizia e della Procura di Como.

Il caso è esploso cinque anni fa – maggio del 2005 – nel piccolo paese del lago: don Mauro, canturino, oggi 40enne, è finito agli arresti domiciliari – mai in carcere – per le accuse rivolte a lui dal giovane. Tra l'incredulità e lo sgomento dei parrocchiani. Molti dei quali, fin da subito, si sono schierati a suo favore anche con una raccolta di firme. La Diocesi lariana, dopo qualche mese di silenzio, aveva deciso di trasferirlo a Colico. Ma lì don Mauro è rimasto fino al giugno del 2008 quando, 20 giorni dopo la condanna rimediata in primo grado a Como, il vescovo Diego Coletti aveva deciso di sospenderlo da ogni incarico. Il processo di secondo grado a Milano è iniziato nel giugno scorso. Oggi la sentenza.

Più informazioni su