CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, Bruni sempre più vicino ala sfiducia. Con i ribelli rabbiosi

Più informazioni su

La situazione sembra precipitare in casa del Pdl cittadino in vista della discussione di lunedì in Comune. Le richieste dei cinque usciti dal partito non sarebbero state prese in considerazione dai vertici regionali.

Ieri sembrava che potesse salvarsi. Magari con trattative estenuanti e qualche concessione. Oggi il quadro appare nettamente contrario e sfavorevole al sindaco di Como Stefano Bruni in vista della discussione sulla sfiducia presentata dall'opposizione per lunedì prossimo a Palazzo Cernezzi. Perchè oltre al Pd compatto, il voto contrario – per far decadere il primo cittadino ed andare al commissariamento – dovrebbe arrivare proprio dai 5 ribelli del Pdl, uscito nelle scorse settimane dal partito ed ora vero ago della bilancia per il futuro politico cittadino. I cinque, da chi li ha visti e sentiti oggi, sono furiosi. Di più: arrabbiati neri, per usare un chiaro eufemismo, dopo che i vertici regionali ieri sera non avrebbero preso in considerazione le loro condizioni – tagli di tre assessori e di altre figure vicine al sindaco – per poter non votare contro. Rabbiosi e delusi dal Pdl, i cinque ribelli – capeggiati dal presidente del consiglio comunale Pastore – stanno pensando seriamente di dare la spallata decisiva per fare cadere il sindaco. Quello che è sicuro è che sarà un fine settimana di febbruili trattative anche se la distanza tra loro e Bruni appare ormai incolmabile.

Più informazioni su