CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il suocero di Arrighi a casa:”Non sono mai stato un delinquente”

Più informazioni su

Emanuele La Rosa è reo-confesso di aver aiutato l'armiere di Como a decapitare la testa di Giacomo Brambilla e metterla nel forno della sua pizzeria. Attività ripartita con il figlio. Lui sta con la famiglia. Cerca di tornare alla normalità di tutti i giorni. Ci prova, si sforza che sia tutto come prima. Ma è difficile far finta di niente. Tra chi lo incontra per strada, al bar. Anche se tanti lo salutano e cercano di sorridere. Per Emanuele La Rosa, una settimana dopo la scarcerazione, i giorni scorrono lenti. E cerca di stare con la sua famiglia per sfuggire anche a "certi" sguardi che feriscono. Poche parole rilasciate al quotidiano "La Provincia" dopon essere stato intercettato in strada. Per dire che ora resta in attesa dell'udienza in Tribunale a Como nella quale spiegherà e cercherà di far capire al giudice il suo momento di debolezza: aver aiutato il genero in un folle progetto. "E' stato un momento di sbandamento – spiega La Rosa – ed ho perso la mia reputazione fatta di tanti anni di serio lavoro. Ora cerco di riconquistarmela. Non sono mai stato un delinquente…".

Più informazioni su