CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

I sindacati: crisi non finita, in aumento la “cassa” e disoccupati

Più informazioni su

Dati ancora una volta negativi quelli che arrivano dalla segreteria della Cgil di Como. In sei mesi crescita di aziende in difficoltà. Senza lavoro, nello stesso periodo, oltre 2.000 comaschi tra cui 46 frontalieri.

Forte ricorso alla cassa integrazione anche se meno che nel resto della Regione. E sempre più persone che hanno perso il lavoro nel comasco. Una situazione a tinte molto fosche quella che viene delineata dalla segreteria della Cgil di Como su dati dell’Inps. E che mettono in evidenza, in modo eloquente anche con i numeri impietosi, che la crisi non è per nulla messa alle spalle. Negli ultimi sei mesi, da gennaio a giugno, il ricorso alla cassa è cresciuto del 62% arrivando a toccare i massimi storici da sempre.

Sette mesi difficili anche per la disoccupazione: +5% rispetto al 2009 con oltre 2.100 persone rimaste a casa da gennaio a luglio di quest’anno: la media – impressionante – è di 300 ogni mese. Ben 46 anche i frontalieri finiti in mobilità nello stesso periodo. L’analisi della Cgil, con dati Inps come detto, mette in evidenza anche altro. Il settore del commercio, ad esempio, il più colpito, poi c’è l’artigianato. Va ancora peggio in altre provincie, Milano e Monza in particolare. Dove cassa e dissocupati sono in crescita spaventosa.

Più informazioni su