CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La Procura e gli scavi ai Tre Camini:”Era un dovere morale…”

Più informazioni su

Alessandro Lodolini spiega così il significato della richiesta del suo collega di effettuare carotaggi mirati per capire cosa c'è realmente sotto il nuovo ospedale. Le verifiche dovrebbero partire già domani.

“Era un obbligo morale. Non si poteva fare altro”. Alessandro Maria Lodolini, il Procuratore di Como, rompe il silenzio ed oggi – proprio alla festa della patrona dell’ospedale cittadino – ha spiegato l’iniziativa del suo ufficio e del sostituto procuratore Giuseppe Rose sulle verifiche da fare nell’area del nuovo ospedale di Como. Dopo le sconcertanti denunce degli autisti della ditta Perego che hanno ammesso di aver scaricato di tutto – compresi materiali nocivi – nelle fondamenta della struttura. Gli scavi oggi non sono ancora iniziati. Potrebbero partire tra domani e mercoledì. Lodolini ha anche mostrato abbastanza ottimismo al di là delle verifiche di rito:”Credo che i tempi del trasloco verranno rispettati – ha aggiunto il numero uno della Procura – anche perché siamo ragionevolmente fiduciosi che non salterà fori nulla di strano”. Un ottimismo che ora attende l'esito delle verifiche. I risultati attesi per i primi giorni di agosto.

Più informazioni su