CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La Canottieri Lario ora fa scuola, ecco le barche per i disabili

Più informazioni su

Si tratta di "Nada" e "Marie", presentate questa mattina alla sede della società comasca in viale Puecher. La soddisfazione del presidente Enzo Molteni per questa opportunità a persone in difficoltà.

Adaptive Rowing, ovvero il canotaggio per le persone disabili. L’occasione per parlare di questa disciplina, oggi nel salone della Canottieri Lario, dove sono state presentate due nuove barche. Il battesimo vero e proprio in serata con don Luigi Chistolini, parroco di San Giorgio. Due imbarcazioni donate in comodato gratuito dalla Provincia di Como. Grande soddisfazione espressa da tutti per questa donazione, sia da parte del presidente della Canottieri Lario, Enzo Molteni, dal vice Maurizio Ballabio che dal presidente della sezione disabili Paolo Tornari e dall’assessore provinciale alle pari opportunità Simona Saladini. Le due imbarcazioni sono "Nada" e "Marie", proprio la seconda a ricordare una signora straniera che da tempo invia donazioni a sostegno dei ragazzi che praticano l’Adaptive Rowing.

“Voglio ringraziare gli enti e le istituzioni che ci tanno aiutando in questo percorso per noi nuovo – ha detto il presidente Enzo Molteni – oggi festeggiamo il varo di due nuove barche che ci consentono di allargare le nostre possibilità di accogliere nuovi disabili in società. Oggi siamo la seconda realtà italiana per importanza nel settore dell'Adaptive Rowing, dopo Gavirate che ha anche il centro federale". “Se oggi siamo qui – ha spiegato l’assessore Saladini – è merito di tutta l'amministrazione provinciale. Riguardo l'appello lanciato dalla Lario  per reclutare nuovi disabili sul territorio e garantire il necessario ricambio di atleti, la Provincia ha la possibilità di aiutare la società sportiva anche in questa direzione avendo in tempo reale la situazione delle presenze dei disabili nelle scuole, ad esempio. Sono sicura che questo legame con la Lario nel segno dell'Adaptive Rowing proseguirà nei tempo".

E ci sono speranze mondiali, in programma in Nuova Zelanda, intanto per il primo azzurro della Canottieri, sezione Adaptive Rowing, Luca Varesano il 17enne disabile seguito dall'Istituto Villa Santa Maria di Tavernerio e in particolare dal terapista e allenatore Fausto Panizza che sarà dal 16 al 18 luglio in ritiro con la nazionale a Gavirate.

Più informazioni su