CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Società in Ticino, ma affari in Italia: evasione al fisco milionaria

Più informazioni su

E' quello che la Finanza di Olgiate Comasco contesta ad un 36enne imprenditore di Vacallo. Le sue aziende, attive nel commercio di tessuti ed abbigliamento, non avrebbero dichiarato 112 milioni di euro.

L'evasione è davvero imponente. Scoperta dalla Guardia di Finanza di Olgiate Comasco. 112 milioni di euro che due società svizzere devono al Fisco italiano al termine di verifiche condotte nei loro confronti. Società che operano nel commercio all'ingrosso di tessuti per l'abbigliamento e vedono come responsabile un 36enne residente a Vacallo. Queste società che hanno sede a Chiasso ma affari con l'Italia, da quanto accertato dalla Finanza, non avrebbero quindi corrisposto i guadagni.

L'inchiesta non è stata facile, coordinata dalla Procura di Como, con tra l'altro come figura di rilievo di questa indagine, il vice-direttore ed il direttore di queste aziende, residenti in Italia. Proprio lui, nel territorio nazionale, aveva funzioni amministrative gestionali. Da qui dunque la contestazione delle Fiamme Gialle che parte di questi ricavi devono essere dovuti al Fisco italiano. E nel registro degli indagati della Procura di Como – per omessa dichiarazione – è finito l'amministratore unico della due società, l'imprenditore ticinese di Vacallo Luigi Barattolo, 36enne.

Più informazioni su