CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sulla riva di Cernobbio ritorna il festival della musica classica

Più informazioni su

L'iniziativa è stata presentata oggi dal sindaco del paese, Simona Saladini. Si parte alla metà di luglio e si va avanti per dieci giorno. Novità significativa anche il teatro-tenda trasparente per le esibizioni.

Ancora una volta la splendida Riva di Cernobbio protagonista di un Festival dedicato alla musica classica. Torna, infatti, il Festival Città di Cernobbio (dal 18 al 30 luglio). Una seconda edizione ricca di novità, la più importante sicuramente la charity partner con la Fondazione per la ricerca sulla Fibrosi cistica onlus che proprio in occasione di questa manifestazione adotterà un nuovo importante progetto di ricerca. Otto gli spettacoli in programma, tutti gratuiti, con tre importanti orchestre italiane ed alcuni solisti di fama internazionale. Proprio il sindaco di Cernobbio, Simona Saladini, ha voluto sottolineare l’importanza di ospitare orchestre italiane, fondamentale risorsa del nostro paese.

Tra le novità di questa edizione anche il teatro-tenda trasparente (con una capienza di circa 1000 posti) che ospiterà le esibizioni. Un’accortezza in più per gli spettatori, con la speranza però che il tempo sia clemente in occasione dell’evento. Altra novità, uno spazio dedicato ai bambini, il 18 luglio la fiaba musicale “Hansel e Gretel”.  “L’evento 2010 si presenta ricco di contenuti con ben otto eventi. La novità più importante è la finalità benefica dell’evento – ha spiegato alla redazione Simona Saladini – quindi grande musica ma con una finalità importantissima come la lotta alla fibrosi cistica”.

 

Primo appuntamento domenica 18 luglio con “Dantexperience”. Una Divina Commedia in musica, una fusione tra le più belle musiche romantiche di Franz Liszt e le celebri immagini di Gustave Dorè. Durante la manifestazione tanti artisti ed orchestre, come la Filarmonica di Verona, l’Orchestra Sinfonica del Teatro Regio di Parma, Boris Petrushansky e molti altri artisti.

Più informazioni su