CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Termina il campionato per la Comense e questa sera la festa…

Più informazioni su

Conclusa la stagione per le nerostellate con un sesto posto. Per il presidente Antonio Pennestrì: “Il bilancio è assolutamente positivo”. Ora si attende la decisione della play Brooke Smith. Un lieto fine per il campionato della Comense, nonostante la sconfitta contro Schio, che ha posto fine al sogno dei playoff. Il bilancio a detta di tutti, presidente compreso, non può che essere positivo: “Direi assolutamente positivo – conferma alla redazione Antonio Pennestrì-  il nostro obiettivo era quello del 5° o 6° posto. E diciamo che l’abbiamo centrato in pieno, specialmente in considerazione del fatto che abbiamo avuto anche degli infortuni, abbiamo dovuto cambiare la squadra in corsa, cambiare play”.
Un campionato che è partito tra grandi difficoltà ed anche una certa dose di sfortuna, con l’infortunio di Valentina Donvito, ma che si è concluso tra la soddisfazione generale. “Di positivo c’è, oltre alla classifica della stagione regolare, anche la bella figura che abbiamo fatto con Schio – spiega il presidente della Comense-  una squadra oggettivamente più forte di noi, che però abbiamo tenuto sulla corda fino alla fine. E poi soprattutto il gruppo, un gruppo di ragazze che hanno sempre lottato, anche con il cuore”.

E così quello che veniva additato come il vero problema ad inizio stagione è diventato, a conti fatti con la classifica, il punto di forza della squadra: “All’inizio era un po’una torre di Babele, tra le serbe, le inglesi, le svedesi – ricorda Pennestrì – bisogna davvero dare atto alla buona volontà delle giocatrici, che hanno fatto di tutto per amalgamarsi, per farsi compagnia, per darsi conforto nei momenti duri”.
  

In merito alla questione ancora in sospeso, del rinnovo contrattuale di Brooke Smith, il presidente è chiaro: “Oggi, è stata qui a salutarci perché parte giovedì. E non è ancora in grado di dare nessuna risposta – spiega Pennestrì –  E’ una ragazza molto ambita, sa che a Como si trova bene e che è una stella, però sa anche che potrebbe andare in qualche società (magari non italiana) e giocare la coppa dei campioni. Sta riflettendo”. Nessuna novità, quindi, se non che la società non rimane ad aspettare: “Noi ci stiamo muovendo –  conferma il presidente – perché non posso stare troppo in sospeso, per una giocatrice che sta giustamente facendo le sue valutazioni. La Comense deve fare anche le sue, di valutazioni. Noi ci auguriamo di cuore che rimanga, però.. sarà quel che sarà”.

Questa sera alle 20.30 al Palasampietro la festa di fine stagione. La squadra festeggerà insieme ai tifosi ed a tutti i sostenitori della Comense.

Più informazioni su