CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Una perizia per fare piena luce sull’anossia del piccolo Mattia

Più informazioni su

L'ha chiesta il Pm Maria Vittoria Isella nel processo a ginecologo ed ostetrica dell'ospedale Valduce. Il tragico parto nel dicembre del 2006. Il bambino, con danni cerebrali importanti, morto mesi dopo. Serve la perizia. L'ha chiesta il Pm Maria Vittoria Isella, l'ha accolta e ratificata il giudice monocratico di Como Vittorio Anghileri. Una perizia – con un collegio da nominare il prossimo 28 aprile – per chiarire cosa è successo all'ospedale Valduce di Como nel dicembre del 2006. Giorno 30, il piccolo Mattia Praino, figlio di una coppia di Beregazzo, viene alla luce con un lungo e drammatico parto. Rimane per diversi minuti senza ossigenazione al cervello: il cordone ombelicale attorno al collo non lo fa respirare. E lui riporta danni cerebrali gravi, permanenti. Nessuno si accorge di questo. Quando viene alla luce è troppo tardi. Due gli indagati, tuttora a processo per omicidio colposo: il ginecologo Stefano Norchi e l'ostetrica Nadia Aliberti. Dopo diverse testimonianze – e scontro tra periti – ecco la decisione di far decidere ad un esperto se c'è stata negligenza o orrore da parte dei sanitari in servizio. Loro negano ogni addebito. Mattia, che non si è mai ripreso, è morto per una complicazione pochi mesi dopo questo tremendo parto al Valduce.

Più informazioni su