CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La difesa insiste: bordate nell’aula contro carabinieri e Frigerio

Più informazioni su

L'avvocato D'Ascola, dopo la richiesta di perizia psichiatrica, non si ferma. Pesanti insunuazioni su come sono state svolte le indagini. Il superstite furente:"Meritano il carcere a vita". Il Pg:"Non cambia nulla". Bordate pesanti su come sono state fatte le indagini. Sulle confessioni contradditorie. Sulla bontà del riconoscimento di Mario Frigerio. Sui carabinieri e le prove "false" che sarebbero state fabbricate da loro. Sulla macchia di sangue trovata sulla Seat di Olindo e Rosa. Nico D'Ascola, il legale dei coniugi Romano, ha proseguito in Corte di Assise di appello a Milano il suo intervento davanti ai giudici per sollecitare la riapertura del fascicolo della strage di Erba. E dopo aver sollecitato, in modo chiaro ed ufficiale, la perizia psichiatrica, ha contestato tutto l'iter delle indagini. Dalle prove raccolte a quando Frigerio ha detto il nome di Olindo. Critiche anche ai carabinieri ed alla Procura di Como.

Il superstite della strage, in aula con figli ed avvocato, è furente:"Meritano solo il carcere a vita, quei due…". Il Pg Nunzia Gatto appare tranquilla nonostante queste critiche:"Per noi non cambia nulla, resta tutto uguale. Aspettiamo l'ergastolo come richiesto".

Più informazioni su