CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Al Sinigaglia è un derby senza scosse: 1 a 1 tra Como e Varese

Più informazioni su

Passano in vantaggio nella prima parte gli ospiti, il pareggio dei lariani su rigore messo a segno da Franco. I tifosi restano fuori dallo stadio per protesta. Poche le occasioni da rete. Le pagelle di Mario Molteni.

Un derby senza grandi sussulti quello di quest’oggi al Sinigaglia che ha il visto il Como affrontare il Varese. Dopo la partenza vittorioso a Monza ci si aspettava qualcosa in più da parte dei lariani ma, visto come si stavano mettendo le cose, anche il pari va bene. Cielo nuvoloso in avvio ma al termine anche il sole esce a salutare gli intervenuti in uno stadio mutilato dalla defezione forzata dei tifosi ospiti e di parte dei supporters azzurri. Mister Di Chiara si accomoda nel settore distinti a dare istruzioni ai suoi ragazzi in campo cercando di imprimere determinazione e carattere. Il Como migliore nella ripresa, forse anche perché costretto a rincorrere il pari e gli ospiti un po’ sulle gambe in considerazione anche delle energie spese nella prima parte.

Partono veloci gli ospiti in avanti con un’ azione sulla destra di Carrozza, servizio al limite per Bussegoli che lascia partire un fendente che sorvola di poco la porta azzurra. Replica dei lariani pochi secondi dopo con una fucilata di Franco che si perde alta. Il Varese prende in mano il centrocampo e controlla agevolmente i pochi tentativi lariani. Mbida cerca di spingere sulla destra mentre Franco, a sinistra, non si fa vedere particolarmente. In mezzo Salvi e Ezio Brevi pensano più ad ostacolare gli avversari che a fornire alle due punte Cozzolino e Facchetti, il risultato è che di palle pericolose non se ne vedono da quelle parti. Il peggio arriva al 24’ quando Oscar Brevi, da ultimo uomo in difesa, si appresta al rilancio ma la sfera impatta su  Ebagua che si ritrova servito e lanciato in solitaria verso Malatesta, il portiere esce alla disperata ma l’attaccante ospite è perfetto nel trafiggerlo con un preciso pallonetto. Gli azzurri sentono il colpo e reagiscono al  33’ con  Bruno che prova dal vertice sinistro dell’area ma la mira è sbagliata di poco.La palla buona ce l’ha Mbida pochi istanti dopo, è solo in piena area ospite, a pochi passi dalla linea che demarca l’area piccola con un invitante servizio, il tiro è pronto ma è alle stelle.

La ripresa vede un Como con un piglio ben diverso dalla prima parte: subito in avanti con determinazione e un Cozzolino trascinatore. Prima il bomber ci prova con un siluro dal limite poi, al 13’ lotta su una palla che sembra persa e costringe il portiere avversario Moreau al fallo. E’ rigore e dal dischetto ci prova Franco, palla da una parte e palla in fondo al sacco per il pari dall’altra. I ragazzi di mister Di Chiara sentono che è il momento di osare e ci provano con Cozzolino e Mbida ma i difensori varesini riescono a contenere i danni. Il tempo scorre senza grandi sussulti e con le due squadre che si allungano, le poche occasioni nascono da palle inattive ma non  c’è la lucidità necessaria a cambiare lo stato delle cose. Va bene così, un pari e un Como da rivedere tra sette giorni quando arriverà in riva al Lario un Novara carico di grandi ambizioni..

 

LE PAGELLE   di Mario Molteni
 

MALATESTA:  6 Non ha colpe in occasione della rete di Ebagua, per il resto ordinaria amministrazione.

MAGGIONI: 6 Gioca una partita onesta copre bene dietro. Si fa vedere poche volte in avanti.

FRANCO: 6 Non è ancora in forma, generoso quando spinge ma il meglio di lui deve ancora venire.

BREVI O: 5/6 Il capitano si dimostra è umile e determinato ma l’errore, in occasione della rete del Varese, è pesante.

RUDI:6 Si prende la sufficienza grazie alla volontà messa in mostra.

BREVI E.: 6 Chiude bene in mezzo al campo, a volte ci mette l’esperienza giusta nell’anticipare le mosse degli avversari.

MBIDA: 6/7 Nel primo tempo è una spina, l’unica, nel fianco degli ospiti. Si mette in mostra con accelerazioni improvvise e grande disponibilità. Bravo.

SALVI: 6 In mezzo è determinante nelle chiusura non nelle ripartente.

FACCHETTI: 6 Partita onesta con grande volontà anche se non riesce a pungere.

COZZOLINO: 7  Nella prima parte si prodiga nel recuperare palloni, nella ripresa è un autentico trascinatore.

BRUNO:6 Grande impegno,  nella seconda parte  cerca spesso l’ intesa con i compagni.

Più informazioni su