CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Milano blocca subito Cantù: ritmo basso e tanti saluti al derby!

Più informazioni su

E' andata all'Armani la sfida di Cucciago in posticipo davanti alle telecamere di Sky. I milanesi sempre saldamente al comando. Pinkmey e Tourè in serata no. Secondo stop di seguito e play-off e rischio.
Niente da dire. Va all'Armani Jeans il derby tra Cantù e Milano giocato in posticipo davanti alle telecamere di Sky (64 – 80 il punteggiofinale). E con pieno merito. Sempre avanti nel punteggio tranne che in qualche sporadica occasione, gli uomini di Bucchi hanno da subito messo in atto il proprio piano partita. Ritmo basso, anzi bassissimo, assoluto divieto di esporre il fianco difensivo all'atletismo della NGC ed una oculata scelta dei tiri. E' andata diritta al cuore dell'avversaria un'Armani Jeans chirurgica, in grado di trovare sempre e comunque soluzioni alternative, capace di irretire i portatori di palla della Ngc, assolutamente perfetta nel togliere quasi subito dalla gara Pinkney, uno dei terminali offensivi primari di Cantù. Con queste premesse tattiche e grazie ad una buona percentuale al tiro (52% da 2,46% da 3) Milano ha sfruttato appieno la disarmante (15/27) serata ai liberi della Ngc.

Nell'unico momento di crisi per gli uomini di Bucchi, con la Ngc che grazie a due tiri pesanti di Toure e ad un canestro in avvitamento di Gaines stava rientrando prepotentemente in partita (49-49 al 31'), ci hanno pensato Hawkins e soprattutto Hall che con 4 centri consecutivi a spegnere ogni velleità di successo (dal 49-49 al 31' si è passati al 56-72 del 36') da parte dei padroni di casa. Un successo che rilancia ampiamente in quota playoff l'Armani (e che ora può vantare un solido 2-0 contro Cantù)- Delusione tra i tifosi di casa. Nella Ngc, alla seconda battuta d'arresto consecutiva, le note positive arrivano dal solito Gaines (12) mentre Rich (13 punti, 6 dei quali a gara virtualmente conclusa) ed Elder (1/5 al tiro pesante) hanno tenuto il campo solo "numericamente". Da dimenticare la prestazione di un Pinkney schiacciato dalla fisicità dei lunghi milanesi e di Toure. Per entrambi una domenica no.

Più informazioni su