CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Gli occhi del mondo su Pechino. E sfilano anche alcuni comaschi

Più informazioni su

Oggi dalle 14,30, ora italiana, la cerimonia di inaugurazione della 29esima Olimpiade in Cina. Presenti atleti e tecnici di casa nostra. La grande emozione del lecchese Rossi che sarà il portabandiera.
Non ci sono tutti, ma chi può sarà allo stadio di pechino. E' il giorno dell'inaugurazione, forse il più intenso per chi prende parte ad un'Olimpiade. Oggi, dalle 14,30 ora italiana, gli occhi del mondo sono su Pechino: scatta l'edizione numero 29 dei giochi dopo tensioni e forti polemiche sui diritti umani. Ed alla cerimonia, che si preannuncia fastosa e di impatto notevole, ci saranno anche alcuni dei comaschi presenti. Come pure i rappresentanti di altre nazioni. Non tutti, come detto visto che le gare già scattano domani. Chi vuole esserci a tutti i costi è Andrea Coppolino, il ginnasta di Novedrate che però sarà impegnato già domani in pedana. La federazione non gradirebbe molto questa "distrazione", ma per lui l'emozione di esserci è più forte di tutto. Stesso discorso per Elisabetta Sancassani, l'atleta di Bellagio che domani va in acqua per le qualificazioni alla sua gara di canottaggio. Ci dovrebbe esere di sicuro Daniele Gilardoni, in Cina come riserva e per questo con più libertà di movimenti in vista delle prime gare (confermato che non gareggerà ndr).

Non ci sarà allo stadio Olimpico Micol Cattaneo, l'atleta di Rovellasca che punta alla finale dei 100 ostacoli femminili. Prime qualificazioni il 17, ma la squadra di atletica alloggia lontano dallo stadio. In dubbio anche lo schermitore Alfredo Rota, che abita ad Arosio. Domenica le prime gare, potrebbe esserci alla sfilata. No sicuro per il medico della nazionale di ciclismo Claudio Pecci di Rovellasca (domani la gara dei professionisti a Pechino), probabile preenze di Gigi Vella (ct della nazionale di tiro con l'arco) e di Luciano Castellini da Menaggio, assistente di Gigi Casiraghi nella nazionale di calcio. Di sicuro ci sarà un altro lariano, simbolo dello sport azzurro: è il lecchese Antonio Rossi, canoista, 39 anni, quinta olimpiade. Sarà il portabandiera con l'emozione a mille e gli sguardi di tutta l'Italia addosso.

Più informazioni su