CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Riecco la Tisettanta: ultima chiamata utile per centrare i play-off

Più informazioni su

La formazione canturina gioca questo pomeriggio in casa l'anticipo di campionato contro la Eldo Napoli. Coach Dalmonte consapevole dell'importanza della gara:"In palio due punti fondamentali. Ma senza errori".

Ultima chiamata per i playoff per la Tisettanta Cantù. Questo pomeriggio alle 14.30 (diretta Sky sport 2) i biancoblù saranno impegnati sul terreno casalingo del Pianella contro la Eldo Napoli. Una squadra che in classifica insegue i canturini a sole due lunghezze di distanza. “È sicuramente un match sul quale si fondano molte delle nostre speranze di accedere ai playoff. – commenta coach Luca Dalmonte ai microfoni di CiaoComoRadio – Una vittoria potrebbe traghettarci verso le ultime partite con mente più serena e con una motivazione in più per giocare al 100%. Vincere contro Napoli potrebbe rendere visibile nel nostro orizzonte un traguardo difficile e insperato come quello dei playoff. Insomma, una partita importante, tanto più perché giocheremo in casa.”

La Eldo Napoli ha un gioco fondato principalmente sul pick&roll di Rocca e Blums, come intende fermarli?

“Dovremo fare molta attenzione. Dovremo mettere tantissima pressione sulla palla, cercando di coinvolgere il meno possibile gli aiuti dei lunghi avversari. Il pick&roll di Blums e di Rocca, infatti, punisce puntualmente ogni rotazione: costringendo la difesa a flottare molto, giocatori come Jumaine Jones, Thomas e Monroe riescono a tenere il vantaggio e a giocare forte l’uno contro uno. Dovremo avere la capacità difendere in modo eccellente sul pick&roll Blums-Rocca, senza lasciare troppo spazio ai tre esterni citati.”

Le polemiche societarie di questi giorni e l’agitazione dei tifosi hanno inciso sull’umore dei giocatori?

“No, non credo. Non possiamo permettercelo: tutto ciò che succede al di fuori non ci deve condizionare. Per quanto riguarda la problematica Comune-Palasport-famiglia Corrado-Eleca noi dobbiamo fare gli spettatori. Tutti noi, inteso come squadra non abbiamo né i mezzi né i ruoli per distribuire opinioni in merito. Chiaramente, essendo di parte, facciamo il tifo per la famiglia Corrado e per la Pallacanestro Cantù, ma sempre da esterni. Per quanto riguarda, invece, la manifestazione dei tifosi, da parte nostra gli Eagles avranno sempre il massimo rispetto. Si tratta di una scelta motivata. Sono un gruppo di ragazzi che ci ha sempre sostenuto in modo esemplare in casa e fuori. In questo caso, poi, hanno le loro buone ragioni per protestare: è giusto che ci siano le leggi, ma è altrettanto giusto che ci sia il buon senso nell’applicarle.”

Più informazioni su