CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Che bella Tisettanta e Cantù fà la “festa” all’amato Sacripanti…

Più informazioni su

Due punti d'oro per la formazione di Dalmonte davanti al maestro, alla sua prima gara da ex. Cori e ovazioni per "Pino", ma poi partita vera: finale da brividi, Mazzarino e Wood hanno i nervi saldi nel momento giusto.
Festa doveva essere e festa è stata. Accoglienza trionfale anche per coach Pino Sacripanti, alla sua prima partita da "nemico" al Palasport Pianella dove lui è cresciuto. Ma poi la "festa" all'amatissimo tecnico brianzolo l'ha fatta una gran bella Tisettanta. Due punti d'oro per Cantù dopo una battaglia di 40 minuti. E con un finale intenso, palpitante, dove Wood e Mazzarino hanno avuto i nervi saldi per respingere le insidie della Scavolini Pesaro (83 – 80 il punteggio finale). Un successo che per la Tisettanta significa la quasi certezza matematica di essere al riparo da sorprese anche per questa stagione e questo è un piccolo scudetto per il successore di Sacripanti, coach Dalmonte, arrivato a Cantù con non poco scetticismo di contorno. Bravo lui, bravi i ragazzi a disposizione e brava anche la società a mettere a disposizione elementi di qualità-

Partita intensa contro l'ex Sacripanti. Fin dall'inizio dopo i festeggiamenti di rito. Cantù parte forte, Pesaro replica punto su punto. Tourè e Francis fanno subito faville. Bene anche Cukinas, ben al di sopra del solito standard di rendimento (11 punti per lui). La Tisettanta, sempre sospinta da un ispirato Wood, tiene testa a Pesaro anche nel secondo tempo (chiuso in vantaggio di 51 -44). Ma la svolta avviene in avvio di terzo tempo: Cantù segna da più punti e con diversi uomini, la Scavolini si blocca. Solo Carlton Myers cerca di tenere a galla la squadra: sono suoi tutti i 9 punti della frazione. INcredibile, ma vero: nessun altro compagno a canestro. La Tisettanta ha il margine più ampio all'ultimo riposo: + 16 (69 – 53).

Ma la Scavolini ha la reazione di orgoglio che era facilmente preventivabile. E nell'ultimo tempo si fa sotto paurosamente: prima a -10, poi a -6 ed anche a -4. Wood replica con una bomba, loro si rifanno sotto ed a questo punto sono Mazzarino e Brown a respingere l'assalto. Punto a punto sino alla sirena. Con il pubblico di Cantù in delirio per la doppia festa a Sacripanti: accoglienza da Re e poi i due punti in tasca. Questa sì che è felicità…

Più informazioni su