CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il Como scatta due volte ed illude i tifosi. Doccia gelata allo scadere

Più informazioni su

Finisce 2-2 una partita incredibile. Succede tutto nel finale: vantaggio di Sentinelli, raddoppio di Bretti. Poi la Solbiatese trova in zona Cesarini il pareggio. Espulso Farrugia assieme a Corda e Di Bari. Domenica sarà dura..

Tutto nella ripresa in questo Como-Solbiatese. Un Como che va in vantaggio di due reti a poco dalla fine ma non riesce a tenere palla e si fa raggiungere in due minuti dagli ospiti. Un pari per 2 a 2 che lascia l’amaro in bocca ai tifosi che già assaporavano a cinque minuti dalla fine della gara i tre punti in classifica per affrontare al meglio il difficile match di domenica prossima con la Tritium. A peggiorare le cose anche le espulsioni di Corda, Di Bari e Farrugia per proteste e che probabilmente dovranno vedere la prossima partita dagli spalti. Certo non è facile mandar giù questo pari ma gli ospiti hanno avuto il merito di crederci fino in fondo mentre gli azzurri hanno forse cantato vittoria troppo presto e, come capita spesso in queste occasioni, il destino ti castiga. Diventa difficile ora la trasferta di domenica prossima sul terreno della Tritium anche alla luce della difficoltà vista oggi nel creare gioco in mezzo al campo nonostante di occasioni i comaschi siano riusciti ad averne.

Prima azione incisiva degli azzurri al 22’ quando Manzini coglie l’attimo e, con un delizioso tocco, verticalizza per Farrugia che si trova solo in area avversaria davanti a Pavesi  ma l’attaccante azzurro si fa respingere il tiro. Passano solo pochi minuti e Manzini fa ancora un numero sulla sinistra e lascia partire un cross teso per la testa di Cau, ben posizionato a pochi passi dalla linea di porta ospite, ma ancora una volta la difesa nerazzurra con Marzio riesce a salvarsi. Arriviamo al 40’ quando, su azione da calcio d’angolo, i lariani vanno di nuovo vicino alla rete: palla che spiove dalla destra e colpo di testa nel mezzo di Rais, è pronto Fuakuputu, finora poco incisivo, spalle alla porta all’altezza della linea dell’area piccola ad inventarsi una rovesciata degna del gol ma Pavesi è fortunato a ritrovarsi la palla inaspettatamente tra le gambe e a salvarsi nuovamente. Si va al riposo con il nulla di fatto, la ripresa si accende al 7’ quando Farrugia sfrutta una palla che spiove in area avversaria deviando con la fronte ma il tentativo s’infrange contro il palo della porta varesina. Al 14’ grande azione del solito Manzini che pennella in mezzo per la testa di Sentinelli, sembra gol fatto ma la traiettoria finisce di un soffio a lato. Il Como non molla e si butta in avanti e al 21’ sfiora di nuovo la rete ancora con Sentinelli che non riesce a buttarla dentro a non più di quattro metri dalla linea di porta alzando la mira incredibilmente.

La partita si scalda e a farne le spese sono dapprima il vicepresidente Di Bari e successivamente anche il mister Corda che vengono invitati dall’arbitro a lasciare il campo per proteste. In arrivo squalifiche in vista della fondamentale trasferta di domenica prossima. La svolta della partita è l’inserimento di Bretti al posto di Salvi che dapprima (al 38’) pennella un calcio di punizione dalla trequarti  per la testa di Sentinelli che questa volta non sbaglia e spedisce la sfera alle spalle dell’incolpevole Pavesi, inutilmente disteso in tuffo e successivamente al 40’ sfrutta al meglio un lancio di Cau e infila un rasoterra preciso alle spalle del portiere della Solbiatese. Ma tutto questo non basta, il doppio colpo dei lariani non stende la Solbiatese che al 43’ accorcia le distanze con un calcio di punizione che somiglia a un missile di Marzio sotto l’incrocio dei pali della porta difesa da Frigerio e le sorprese non sono finite, gli ospiti di buttano in avanti e trovano il pari con Appella che, ancora una volta, lascia partire un bolide dai venti metri che sorprende il portiere azzurro. Alla fine ci scappa pure l’espulsione, come già sopra detto, di Farrugia per proteste. Peggio i così oggi non poteva finire.

 LE PAGELLE   di Mario Molteni

FRIGERIO: 6 Per 85’ ordinaria amministrazione, poi la gara per lui diventa una Via Crucis e si deve inchinare per ben due volte alle bordate dei varesini.

IDDA: 6/7 Grande carattere, nella prima parte prende le misure a Di Sazio e non sbaglia. 

ADOBATI: 6 Buona prestazione del difensore, prova a proporsi in avanti ma non trova l’appoggio decisivo. 

SENTINELLI: 6 Dopo due errori pesanti arriva l’incornata decisiva nella ripresa. Bravo guerriero. domenica prossima.

RUDI: 7 Bravo sia i marcatura che nelle avanzate. Oggi è stato insuperabile.

MANZINI: 7/8 Prova impeccabile, sicuramente il migliore dei suoi. Quasi tutte le occasioni del Como partono dai suoi piedi. Devastante sulla fascia.

SALVI:6 Va a sprazzi, corre molto ma in mezzo non riesce ad essere determinante.

RAIS: 5/6 Appare ancora fuori dal gioco, stenta a costruire gioco.

FARRUGIA: 6 Tiene su da solo l’attacco, spesso rientra per recuperare palle giocabili. Assolutamente indispensabile. Peccato per l’espulsione che peserà sicuramente in vista dello scontro con la Tritium

CAU: 6 Meglio in altre occasioni, gioca sempre lungo la fascia e, forse, la squadra perde i suoi piedi buoni in mezzo.

FUAKUPUTU:5/6 Nonostante la grandissima rovesciata che ha fatto gridare al gol tutto lo stadio, combina un po’ poco. 

Più informazioni su