CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, esordio sotto il diluvio: tre sberle stendono il Fanfulla

Più informazioni su

Gli azzurri si impongono nell'andata del primo turno di Coppa Italia. Bella gara nonostante il maltempo e la lunga sospensione decisa dall'arbitro. Per i lariani tante buone cose e reti di Rudi, Sentinelli e Cau.

Esordio bagnato stagione fortunata. Se lo augurano tutti i tifosi del Como targato Corda. Certo che più bagnato di così non si può dato che sul Sinigaglia a un certo punto si è scatenato un nubifragio di proporzioni tali che l’arbitro si è visto costretto a  sospendere la partita per quasi trenta minuti viste le condizioni impraticabili del campo. Azzurri alla finre vittoriosi per 3 a 2 contro il Fanfulla nell'andata del primo turno di Coppa Italia serie D. Si vede che il gruppo, e ci mancherebbe visto gli ex del Tempio in campo, ci sono anche e sono veramente positive. Bene Cau a far gioco e dare estro alla manovra, ottimo Farrugia a far reparto in avanti, Rais giocatore a tuttocampo e tuttofare mentre Manzini dà consistenza e autorevolezza al centrocampo: sono questi i pilastri sui quali costruire quella squadra che dovrà portarci, senza timori, in serie C2 

Da rivedere la difesa, anche se Sentinelli è una sicurezza, ma siamo solo alla prima e quindi il tempo e le istruzioni saranno sicuramente decisive per far girare al meglio anche questo reparto. Veniamo alla cronaca che vede gia’ al 4’ passare in vantaggio il Fanfulla con Dellagiovanna che, ben lanciato da Guarnieri, riesce a infilarsi nella difesa lariana e in diagonale trafigge Frigerio; trascorrono pochi secondi e il Como pareggia con un bel colpo di testa di Rudi che infila nel sette alla sinistra di Devecchi. Al 29’ si vedono ancora i lodigiani con Dellagiovanna che se ne va sulla sinistra e mette in mezzo un invitante pallone sul quale Mariani anticipa Sentinelli ma la mira è di poco sbagliata e la palla sfila sul fondo. La pioggia, che aveva cominciato a cadere da una decina di minuti, si trasforma in un nubifragio e vengono anche accesi i riflettori del vecchio Sinigaglia.

Si arriva al 43’ e l’arbitro sospende la partita, tutti negli spogliatoi; dopo il primo sopralluogo effettuato quindici minuti più tardi non si può riprendere, bisogna attendere altri dieci minuti per rivedere le formazioni in campo. Il gioco però dura solo un minuto e il direttore di gara chiude la prima parte. Un po’ di sconcerto tra i giocatori e sugli spalti che non sia aspettavano la pausa e dopo pochi minuti l’arbitro torna sul rettangolo verde per dare inizio alla seconda parte: velocissimi gli azzurri che si portano immediatamente in vantaggio con Sentinelli che in mischia trova il pertugio giusto per trafiggere Devecchi. Solo due minuti e il Como trova il terzo gol con una perfetta azione di rimessa iniziata da Zenga e conclusa a colpo sicuro con una stoccata di Cau dal dischetto del rigore. La gara si vivacizza e il Fanfulla al 5’riesce anche a trovare la via della rete ma il tocco di Dellagiovanna viene reputato in fuorigioco e, dopo le vibranti proteste dei bianconeri, si riprende sempre con i lariani avanti di due reti. Ma la partita è accesa ed al 9’ il Fanfulla accorcia le distanze con un bel tiro dell’attivissimoDellagiovanna, nonostante i quasi 40anni, che taglia in diagonale da sinistra a destra l’area azzurra infilando nel sacco nonostante il disperato tentativo di respinta di Frigerio.

A questo punto è il portiere azzurro a salire in cattedra e due minuti più tardi salva deviando oltre la traversa un bolide di Fettolini. Missile al 15’ di Rais che fa il pelo alla traversa dei bianconeri. Partita bella, vibrante che tiene alta l’attenzione dei numerosi tifosi presenti sugli spalti. Molto bene ancora gli ospiti che cercano il pari con continuità, colpa anche un po’ degli azzurri che, forse stanchi , lasciano loro l’iniziativa limitandosi a non correre troppi pericoli e a qualche timido tentativo in avanti grazie alla verve di Zenga.      

Più informazioni su