CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Al Sociale il dramma dei bimbi dell’Etiopia: musica e solidarietà

Più informazioni su

Appuntamento per domani sera e replica sabato. Lo spettacolo è organizzato dalla compagnia "Anello di Moebius" ed è l'amaro racconto dei volontari che un anno fa sono stati in Africa per aiutare i piccoli. Teatro e solidarietà. Appuntamento con l’arte e l’impegno domani sera (in replica anche sabato) alla sala bianca del Teatro Sociale di Como alle 21. In scena “Cereka Na Abeba” (La luna e il fiore). Una produzione della compagnia lariana Anello di Moebius. Lo spettacolo è l’esito del viaggio fatto da un gruppo di volontari comaschi – al seguito dell’Associazione "Il Sole" – lo scorso anno ad Addis Abeba, in Etiopia. All’interno del centro di recupero dei bambini vittime di stupro – piaga sociale dilagante nella capitale africana – i volontari, in testa il regista Jacopo Boschini e il musicista Luca ‘Pepe’ Schiavo hanno condotto due laboratori di teatro e musicoterapica.

Un lavoro enorme, innovativo, che ha affiancato le ormai ‘tradizionali’ attività di consulenza e supporto psicologico. Un nuovo strumento che ha dato alle bambine e ai bambini l’occasione di una strada terapeutica del tutto nuova in una logica di reinserimento sociale e recupero dal dramma. Dall’esperienza – che proseguirà per i prossimi 2 anni – è nato lo spettacolo con l’intenzione di informare e sensibilizzare sull’attività de Il Sole. Una trama ai confini tra fiaba e pura cronaca. Dalle note del regista: “Dopo 3,3 milioni di anni la bimba più antica del mondo si scrolla di dosso polvere e sabbia. Addis Abeba, questa città, che in amarico vuol dire “nuovo fiore” è una distesa di latta e di fango. Dove l’umanità striscia, scheletro di un’antica civiltà. Dove un Luna Park, silente, muove le sue giostre e apre i suoi labirinti di specchi. Dove, una notte, un suono incantato seduce tutti i bambini. Dove una giornalista, che segue le orme dell’infanzia dell’uomo, si ferma e si scrolla di dosso polvere e sabbia.” 

Più informazioni su