CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Ramella non si illude:”A Casale ci sarà ancora da soffrire tanto”

Più informazioni su

Il tecnico del Como alla vigilia della sfida con il Fanfulla in campo neutro:"Emergenza continua in infermeria, speriamo di recuperare i ragazzi dopo Pasqua". Fuori per squalifica anche Sgrò e Placida.

Si è fatto il possibile a fronte di un'emergenza continua. Questa è l’unica certezza per il Como in vista della partita di domani contro Fanfulla in programma alle 15 sul campo neutro di Casale Monferrato. Squalifiche e infortuni in casa azzurra ormai sono all'ordine del giorno. Questa mattina la rifinitura poi qualche ora di riposo per tutti. “La preparazione è andata bene per quelli disponibili – spiega mister Ramella – l'unico giocatore recuperabile al 100%, anche se è un po' che non gioca, è Maiolo. Bernardi non si è ancora allenato. Non parliamo nemmeno degli squalificati (Sgrò e Placida). Franchetto non si è allenato, idem Terraneo. Sono tutti giocatori che saranno a disposizione solo dopo Pasqua.” Isomma il tecnico non si illude. “C'è da soffrire in queste due partite – sottolinea – bisogna dare il massimo e presenatrsi alle ultime con tutta la rosa al completo.”  
Come vede gli avversari?
Il Fanfulla gioca allo stesso modo della Solbiatese. A livello di gioco penso non ci saranno cambiamenti: sfrutteremo le fasce -come abiamo fatto domenica- e giocheremo a rasoterra, se il campo ci darà la possibilità (non conosco quello di Casale). Gli avversari hanno dei buon colpitori di testa e fisicamente saranno superiori a noi. Cercheremo, perciò, di tenerli i più alti possibili nella loro metà campo. E' logico che loro hanno il coltello fra i denti, in più è rientrato Maspero, uomo di esperienza. 
E voi?
Il Como, campo neutro o meno, deve cambiare rotta e cercare di fare più punti possibili nelle prossime quattro partite fuori casa. I giocatori non devono farsi condizionare, devono entrare in campo (qualsiasi esso sia) concentrati, cercando di dare il massimo. Dobbiamo presentarci il 25 aprile -il giorno della liberazione, sembra fatto apposta- al nostro stadio con la possibilità di essere agganciati ai play off o addirittura già dentro. 
Un Como così giovane ha la possibilità di portare a casa la partita?
Può essere una cosa bella e brutta la squalifica del campo. Senza pressioni, i giovani, prima di tutto tifosi del Como quando era in serie A e che poi si sono ritrovati a giocare in questa squadra adesso, potranno scendere in campo più serenamente. Chi ha scelto questi ragazzi, conosceva la loro caratteristica e la loro validità. E' il momento giusto per vedere se questi giovani sono all'altezza di continuare a militare nel Como o tra le fila delle categorie inferiori.

Più informazioni su