CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Non solo squalifiche, il Como ha pure l’infermeria super-affollata

Più informazioni su

Moltissimi i problemi da risolvere per mister Ramella alla vigilia della trasferta di Solbiate: l'assenza più importante è quella del bomber Terraneo. Poi tanti altri guai da valutare nelle prossime ore. Gara fondamentale per i play-off.

Non solo le squalifiche. Adesso sul Como pesano anche importanti infortuni che rischiano di compromettere seriamente la partita di domani, trasferta contro Solbiatese. Nubi nere quelle che si affacciano su Orsenigo in queste ultime ore di preparazione. L’assenza più pesante è quella del bomber, Lele Terraneo. Ma anche Bernardi e Gruttadauria sono in forte dubbio come conferma il Team Manager Massimo Mascetti. Situazione infermeria? Purtroppo ci sono da segnalare delle defezioni importanti. Terraneo ha uno strappo alla gamba destra, sicuramente domenica non ci sarà e si presume qualche settimana di riposo per lui. Un infortunio dovuto, tra l'altro, alla partità di mercoledì. Non potendolo sositutire, perchè eravamo in 9, ha giocato fino alla fine della partita e, purtroppo, questo ha aggravato la situazione. C'è poi Bernardi che non è ancora a posto fisicamente, la stessa cosa Gruttadauria, anche se si pensa di poterlo recuperare per domenica. Purtroppo non ci sarà per qualche settimana nemmeno Castelnuovo per una distorsione alla caviglia sinistra durante la partitella di giovedì. Ieri è rimasto fermo anche Guidetti per un'infiammazione al tendine rotuleo, però si presume, a detta del medico, la sua disponibilità per domenica. Siamo abbastanza in difficoltà. Molto probabilmente bisognerà avvalersi della prestazione di qualche giocatore della Juniores. Maiolo invece? Maiolo sta facendo una preparazione differenziata per recuperare una situazione ottimale. Si valuterà in questi ultimi giorni se portarlo in panchina o meno. Ma questa è una decisione che spetta solo ed esclusivamente al mister. Domenica partita decisiva. La Solbiatese è a soli 2 punti di distanza dal Como. Come la vede? Ogni partita è decisiva, visto che siamo a tre quarti di campionato. Indubbiamente la classifica si è accorciata, se si mira ai play off, non occorre tanto stare attenti a chi ci sta dietro e chi davanti. Il vero problema è valutare la nostra condizione, la nostra consapevolezza di uscire da una situazione che sta perdurando ormai da troppe setimane, direi, peraltro, anche abbastanza inaspettata. Dobbiamo guardarci in faccia e cercare ogni domenica di dare il massimo e possibilmente tornare a vincere. Magari anche smorzare i toni, visto che, si è detto più volte, l'atmosfera è troppo tesa.  Ramella, fin dal suo arrivo, sta cercando di creare un gruppo anche durante gli allenamenti e di portare un po' di distensione, un po' scherzando, ma, allo stesso tempo, lavorando seriamente. Vedo che ci sta riuscendo, anche se quello che conta è scendere in campo concentrati la domenica e vincere. Non ci possiamo permettere di fare ulteriori passi falsi. E' importantissimo ricompattare il gruppo che comunque è sempre stato unito, ma, si sa, quando non arrivano i risultati, si possono avere dei momenti di debolezza. Il gruppo è consapevole di questa difficoltà e il lavoro del mister e di tutta la società è proprio quello di ricreare entusiasmo e voglia di vincere.

Più informazioni su