CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Parolini alla carica:”Merate tosto, ma noi dobbiamo crederci…”

Più informazioni su

Il tecnico del Como ha concluso positivamente la settimana di preparazione ad Orsenigo: quasi tutti presenti, domattina la rifinitura. "Ho strigliato i ragazzi per il loro atteggiamento di domenica: bisogna cambiare".

Un 9 – 0 contro una formazione piccola come il Pogliano Milanese non è certo un risultato da prendere come indicatore dello stato di salute. Però, va detto, fa sempre morale. Ieri appunto l’esito della partitella e oggi ultime ore di lavoro a orsenigo per per il Como in vista della sfida di domenica contro Merate. Domattina la rifinitura. Soddisfatto del lavoro il tecnico, Mister Parolini. “Una settimana positiva – spiega – cercheremo di giocare questa gara al meglio delle nostre possibilità.”
 

Novità dall'infermeria? "Fermo il solito Cigagna che riprende lentamente, mentre Ortelli e Franchetta con qualche linea di febbre, tutto normale".

 Domenica scorsa abbiamo visto il Como con alcune carenze, pensa che siano difficoltà strutturali o semplicemente atteggiamenti mentali risolvibili in campo in fretta? "Domenica è stata una partita strana con un atteggiamento sbagliato che purtroppo capita tante voltre a questa squadra. Non deve capitare, non è un problema strutturale di allenamento, ma è un approccio alla gara sbagliato". Domenica il Merate, cosa dice? "Squadra tosta, ma noi dobbiamo essere il miglior Como per poter portare un risultato vero". 

Per quanto riguarda la formazione puo' già dare un'idea di massima? "No, stiamo ancora valutando, riproveremo ancora domattina, è ancora presto".

 In tasca avete, comunque, questo terzo posto… "Si, dobbiamo fare la nostra strada, fare più vittorie possibile e trovarci là a giocarci questo campionato". 

Martedi' ha strigliato la squadra, crede sia servito? "L'ho strigliata perchè questi atteggiamenti qui non sono tollerabili, bisogna andare in campo e giocare una partita come sappiamo fare e non adagiarci, perchè non possiamo adagiarci".

Più informazioni su