CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como di nuovo al Sinigaglia: attenzione al traballante Seregno

Più informazioni su

Seconda gara casalinga consecutiva per gli azzurri. Oggi arrivano i milanesi ultimi in classifica. Parolini ha l'organico al completo e può scegliere la migliore formazione possibile. Fondamentali i tre punti in palio.

Secondo appuntamento consecutivo tra le mura amiche per i ragazzi di mister Parolini, in arrivo al Sinigaglia un Seregno alquanto dimesso ma deciso a vender cara la pelle (fischio d'inizio alle 14,30). Dopo la rinfrancante vittoria di sette giorni fa ottenuta contro l’Olginatese non rimane altro che ribadire i passi in avanti mostrati proprio durante l’ultima gara casalinga e il derby di oggi sulla carta appare facile a affrontare ma, come ben sappiamo, anche la più semplice delle sfide può nascondere delle insidie, facile prendere ad esempio la rocambolesca vittoria in trasferta dell’andata per 3 a 2; il Como deve però puntare a non lasciarsi sfuggire l’occasione e portare a casa punti importanti nella rincorsa alla vetta della classifica. La cura Parolini sta dando risultati confortanti, anche se è ancora presto per poter definire acquisite mentalità e carattere in quanto già in passato questa squadra ha palesato periodi buoni ad altri da dimenticare.  In attesa delle conferme, oggi il mister azzurro ha praticamente tutto l’organico a disposizione, tranne Cigagna, e potrà scegliere senza problemi e assilli la formazione migliore da mandare in campo.

Dopo aver dichiarato già nel dopo partita di sette giorni fa che Sgro è ormai diventato un puntello importante dell’assetto difensivo, si attendono le conferme in mezzo di Greco e Guidetti che molto bene hanno svolto il compito loro assegnato contro l’Olginatese anche se la disponibilità di Shala potrebbe mettere in condizione il coach di variare qualcosina in mezzo. Davanti la strepitosa forma di Terraneo, che si intende a meraviglia con Bernardi, dovrebbe essere la qualità che fa pendere l’ago della bilancia per la riconferma del tandem offensivo anche senza dimenticare che Damiano scalpita per dimostrare che la via del gol ce l’ha nel sangue. Nella domenica in cui Como saluta l’entrata del nuovo vescovo i tifosi azzurri, prima di passare dalla Cattedrale, vorranno di certo ricevere il regalo dei tre punti per sperare di vedere la vetta quanto prima ed accorreranno numerosi allo stadio.

Più informazioni su