CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Incontri con l’autore, due chiacchiere con Lisa See

Più informazioni su

E' appena uscito l'ultimo romanzo dell'autrice statunitense insignita del titolo di Donna dell’anno per il 2001 dall’associazione delle donne americane di origine cinese. L'ha intervistata per CiaoComo Paola Pioppi.
Sample ImageUna vicenda di ambientata nella Cina del XIX secolo, quando mogli e figlie ancora avevano i piedi bendati e vivevano in uno stato di isolamento pressoché totale: è il mondo scelto da Lisa See per il suo ultimo romanzo, Fiore di neve e il ventaglio segreto (Longanesi, pagg. 336, 17 euro). Protagoniste sono le donne di una remota contea dello Hunan, che ricorrevano a un codice segreto per comunicare tra loro: il nu shu. Le bambine venivano accoppiate come laotong, “vecchie se stesse”, un legame affettivo destinato a durare per sempre. Le laotong si scambiavano lettere tracciate a pennello sui ventagli o messaggi ricamati sui fazzoletti, e inventavano racconti, sfuggendo così alla propria reclusione per condividere speranze, sogni e conquiste. Così ormai anziana e tormentata dai rimorsi, Giglio Bianco ripensa al passato e a Fiore di Neve, l’amica, scomparsa ormai da molti anni, che ha avuto un ruolo cruciale nella sua esistenza, ripensa al tragico equivoco che ha amaramente segnato un legame lungo una vita. Giornalista per testate quali il Los Angeles Times, Lisa See vive a Los Angeles ed è stata nominata donna dell’anno per il 2001 dall’associazione delle donne americane di origine cinese.

Sample ImageLisa See, la prima domanda è quasi spontanea: perché ha scelto un contesto così lontano e così duro rispetto alla cultura occidentale? Ritiene che non si conosca abbastanza della condizione delle donne in Cina, attuale o passata? Non ho scelto l’argomento ma è l’argomento che ha scelto me. Quando ho scoperto dell’esistenza del nu shu  ho sentito di doverne scrivere. Il nu shu è una forma di scrittura segreta utilizzata dalle donne in un’area remota della Cina, da loro inventato e mantenuto segreto  per mille anni. Lo utilizzavano come un’ancora di salvezza per comunicare con l’esterno, per condividere le loro esperienze con altre donne. Ho pensato che anche se è una cosa del passato è ancora attuale, rilevante per la nostra vita di oggi perché se anche le circostanze sono molto diverse tutti desideriamo amore e amicizia.

Lei è più legata agli aspetti drammatici o a quelli poetici del suo romanzo? Sono legata a entrambi ma in modo diverso. Per quanto riguarda gli aspetti drammatici volevo creare una storia che potesse coinvolgere i lettori anche da un punto di vista emotivo, dare loro la possibilità di sentirsi vicini a questi personaggi come se fossero nella stessa stanza con quelle donne. Per quanto riguarda gli aspetti poetici oggi sono rimasti solo 175 scritti di nu shu tra lettere, racconti, poesie, autobiografie, canzoni. È un linguaggio molto bello soprattutto perché le donne che lo crearono vivevano confinate in casa dall’età di cinque anni fino alla morte e quindi, per tutta la vita, si guardavano dentro. Perciò le loro emozioni, sentimenti e la loro immaginazione erano molto acuiti. Questo rende il linguaggio del nu shu molto poetico. Volevo onorare l’esperienza di queste donne.

Quello dell’amicizia che rende forti e complici in momenti di difficoltà è uno dei temi importanti del romanzo: crede che questo concetto sia attuale? Sì, anche se le circostanze possono cambiare, l’amicizia in sé non cambia, dovunque ci si trovi, che si sia ricchi o poveri. Le amiche ci accompagnano nei momenti buoni e brutti della vita e questa è una realtà universale.

Quanto si riconosce nella sua protagonista? Vedo me stessa un po’ in entrambe le protagoniste. Giglio Bianco a volte è impaziente e io vorrei essere più paziente, ma non lo sono e quindi questa è una debolezza non solo sua ma anche mia. Fiore di Neve sopravvive alla sua situazione grazie all’immaginazione e io ho immaginato cosa avrei fatto al suo posto. Sarebbe stato molto difficile per me vivere in una situazione come quella e avrei pensato costantemente a come uscire da quella stanza e anch’io mi sarei affidata all’immaginazione. Fiore di Neve parla costantemente di uccelli che si liberano in volo. Il suo linguaggio è molto poetico perché l’immaginazione è l’unico modo per sopravvivere.

Paola Pioppi

Più informazioni su