CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Promessa del mister ai tifosi:”Dobbiamo fare una grande partita”

Più informazioni su

Marco Falsettini, tecnico del Como, guarda già alla sfida di domenica con il Seregno. Ottime indicazioni dall'amichevole di ieri, vuole riscattare l'eliminazione dalla Coppa Italia. "Anche se il nostro obiettivo – spiega – è il campionato".

Un 3 a 0 infrasettimanale che può solo spingere a fare sempre meglio. Si è conclusa positivamente l’amichevole che ieri il Como ha giocato a Viggiù contro la rappresentativa locale. Il tecnico azzurro inoltre ha dato ottime possibilità di gioco a tutta la rosa. I gol dei lariani sono stati segnati dal neo-acquisto Bernardi, ormai a un passo dall’optimum fisico, dal giovane Gasparri e da Battaglino. “Una sgambata infrasettimanale che fa bene soprattutto ai ragazzi che in questo momento stanno giocando poco” spiega mister Falsettini. “Si è conclusa bene e senza infortuni – aggiunge – e questa è la cosa più importante".

 Sul fronte infermeria come arrivate a domenica? “Abbiamo ancora Donghi e Castelnuovo indisponibili. Per donghi le cose saranno un po’ più lunghe mentre Castelunovo martedì dovrebbe riaggregarsi al gruppo. Schepis ha avuto un po’ di febbre ieri però oggi gli è passata e dovrebbe tornare al lavoro” Ultima giornata di preparazione e domani la rifinitura prima della trasferta a Seregno. Su cosa vi concentrerete? “E’ una squadra che abbiamo già affrrontato due volte in coppa Italia. Ci conosciamo bene, sarà una partita molto valida agonisticamente. In questo stiamo bene sia fisicamente che mentalmente. Dobbiamo cercare di fare le nostre cose: essere uniti, compatti, corti e aggressivi al punto giusto e farli giocare il meno possibile nella nostra metà campo” Tra l’altro siete a credito con Seregno vista la Coppa Italia… “Si anche se nelle due partite abbiamo costruito tanto e poi con tutto il rispetto, ma la Coppa non è il nostro obiettivo. La meta è il campionato e ci concentriamo su questo. Adesso abbiamo una partita difficile, ma con i tifosi domenica sarà come giocare in casa. Dobbiamo fare una grande partita” Non stiete stati penalizzati dalla trasferta infinita di Trento…”Siamo stati bravi mentalmente. Non ci siamo fatti abbattere da tutto quello che di brutto è stato detto sul Como e sui suoi tifosi, siamo stati forti di carattere e abbiamo giocato una grandissima partita. Abbiamo ripreso col sorriso sulle labbra, la settimana è andata via liscia”. Resta il nodo del portiere che manca… “Non dobbiamo sbagliare. Abbiamo Sangiorgio che sta facendo molto bene però alle spalle c’è un ragazzo molto giovane, del 1989. Ieri in amichevo ha fatto molto bene. E’ bravo ma ci serve almeno un 1987 per essere più coperti. I nostri portieri comunque sono bravi” 

Nomi? “No, ci guardiamo in giro ma gli ’87 sono quasi tutti impegnati. Non abbiamo fretta non vogliamo sbagliare".

Più informazioni su