CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Basso in trionfo al Ghisallo, ma c’è anche il veleno di Gibo…

Più informazioni su

Rabbioso botta e risposta tra i due ciclisti oggi a Magreglio prima del via dell'ultima frazione. Applausi ed autografi per la maglia rosa. La soddisfazione degli organizzatori per una grande festa di sport. Tutto suo il Ghisallo. Ai suoi piedi. Striscioni, incitamenti, applausi scroscianti. E poi ancora autografi, pacche sulle spalle. Ivan Basso fa il pienone prima del via dell'ultima frazione del Giro d'Italia, oggi a Magreglio dove tra poco verrà inaugurato il Museo del ciclismo. Ma a rovinargli la giornata, sul piazzale del santuario dedicato ai ciclisti, ci pensa Gibo Simoni con una dichiarazione al veleno puro:"Se ieri avessi vento sarebbe stato un suo regalo – ha detto – ma è anche vero che a poco dalla conclusione Basso mi chiesto soldi per lasciarmi vincere. Io ho detto di no perchè non accetto queste cose". La maglia rosa, a breve distanza, strabuzza gli occhi, lo avvicina ed in diretta tv sulla rai nega ogni cosa:"Tutto falso, ti ho solo chiesto di fare la discesa assieme…". Simoni, che evidentemente è in vena polemica, non ci sta e replica stizzito:"Allora vuoi anche che dica la cifra ?".

Un botta e risposta al veleno proprio al Ghisallo dove è partita, in un clima di grande entusiasmo, l'ultima tappa (vinta dal tedesco Forster della Gerolsteiner in volata su Richeze, Pollack e Bettini). Migliaia di persone, una grande domenica di sport. Soddisfatti gli organizzatori, commosso fino alle lacrime Fiorenzo Magni che alla stampa ha presentato in anteprima come sarà il Museo del ciclismo che sorgerà a pochi metri dal santuario del Ghisallo dove Basso è entrato in maglia rosa e con la bicicletta per una veloce benedizione prima del via.

Più informazioni su