CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Tornano le “passeggiate creative”, il 2 aprile camminata all’Oasi del Bassone foto

Più informazioni su

Dopo Camnago Volta un altro appuntamento con le  “passeggiate creative” Sulle orme di Volta per celebrarne il 190° anniversario della scomparsa. Il secondo appuntamento sarà domenica 2 aprile all’Oasi del Bassone: ritrovo alle 14.30 nel parcheggio dell’osteria Bassone, in via Ninguarda 40, Como, frazione Albate. Rientro allo stesso punto attorno alle 18.

Sei chilometri circa in piano adatti tutti. Raccomandati scarponi o stivali di gomma, trattandosi di un’area palustre, dove è possibile incontrare fango, soprattutto qualora dovesse piovere nei giorni precedenti.

passeggiate creative bassone

Queste le tappe del percorso:

– si visiteranno per prima cosa i ruderi dell’antica fattoria, vicina al punto di ritrovo, al confine tra Albate e Senna Comasco, sorta sui resti di un convento e appartenuta alla famiglia di Alessandro Volta

– da lì si attraverserà l’oasi, ampia 90 ettari, fino a raggiungere il tracciato della ferrovia Como-Milano, ideata dal figlio dell’inventore della pila, Zanino, e illustrata ai partecipanti da Salvo Bordonaro dell’associazione ComoInTreno, coautore con Roberto Ghioldi del volume sulla storia delle ferrovie lariane “Binari per Como”

– tappa alla Cascina Bengasi, dove sono custoditi campioni di torba e di nidi degli uccelli che vivono nell’area protetta, con un intervento di Ottorina Bianchi Marelli, fondatrice e conservatrice dell’Oasi del Bassone

– visita ai due laghetti e ai fontanili, con l’intervento di docenti del Dipartimento di Scienze e Alta tecnologia dell’Università dell’Insubria

– rientro al punto di partenza

L’itinerario, organizzato in collaborazione con L’associazione Raider Scout di Senna Comasco, sarà l’occasione per approfondire la scoperta dell’aria infiammabile delle paludi (il metano) da parte di Volta e i suoi esprimenti sulle rane, l’una come le altre molto presenti in questa zona palustre.

passeggiate creative bassone

Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria su www.passeggiatadueaprile.eventbrite.it o telefonando al numero 031.579848  

 

Le passeggiate proseguiranno una al mese fino a settembre, con pausa in agosto: in maggio si farà una passeggiata “Ai bordi della città sulle orme del divo Volta”, in collaborazione con il Festival della Luce e le Primavere della Provincia di Como, seguendo una serie di luoghi, aneddoti e suggestioni che legano lo scienziato alla settima arte, da Villa Olmo al Giardino della Valle di Cernobbio, passando per l’ex cinema Volta, con la partecipazione dell’architetto-scrittore Gianni Biondillo; a giugno, nell’ambito di Parolario, si indagheranno i legami tra Volta e altri tre poeti (lui stesso, infatti, scriveva poesie), ovvero Foscolo, Leopardi e Silvio Pellico, camminando dal giardino del museo Civico fino al parco di Villa del Grumello; a luglio sarà il momento di una “Luna di miele a Gravedona”, come quella che lì trascorse lo scienziato con la moglie Teresa Pellegrini in un un’altra delle case di famiglia (collabora l’associazione Visit Gravedona ed Uniti); infine, a settembre, in occasione del 90° del faro voltiano di San Maurizio, si raggiungerà il medesimo, partendo dalla vera casa (non quella su cui è finita “per disattenzione” la targa commemorativa) in cui lo scienziato fu a balia nel centro storico del “Balcone sulle Alpi”.

passeggiate creative bassone

Il progetto vede anche la collaborazione di alcuni allievi dei corsi turistici di Enaip-Como, coordinati dagli insegnanti Daniela Manili Pessina, Isa Botta e Roberto Morselli: alla loro creatività, stimolata dal docente di grafica Fabrizio Bellanca, si deve il logo della serie di passeggiate e poi le documenteranno tutte con dei sintetici report fotografici e testuali, che verranno messi a disposizione di chi vorrà approfondire o affrontare in autonomia i diversi percorsi proposti.

 

Pietro Berra: ultime sulla Passeggiata La terra santa

domenica 19 marzo, andati esauriti i 150 posti standard che sono il numero ottimale per fruire di narrazioni e visite guidate, valutati percorso e spazi con i diversi partner dell’iniziativa, abbiamo aggiunto ulteriori 50 posti per la passeggiata “La Terra Santa. Dal padre dei poveri alla santa dimenticata sulle orme di Alda Merini”. Ne rimangono pochissimi che potete prenotare qui: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-passeggiata-la-terra-santa-dal-padre-dei-poveri-alla-santa-dimenticata-sulle-orme-di-alda-merini-32236490210
Si consigliano scarpe sportive e comode, meglio se da trekking, visto che si camminerà per 3 chilometri e mezzo circa su superfici (asfalto, gradoni di pietra e sentiero sterrato) che non presentano particolari asperità, ma richiedono di tenere conto della fatica dovuta al fatto che l’intero percorso sia in salita, seppure con soste e letture che lo “alleggeriranno”. Per lo stesso motivo è utile portarsi una bottiglietta d’acqua.

 

Più informazioni su