CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

L’autopsia conferma tutto: un migrante la vittima sul tetto del treno fotogallery

La disgrazia è avvenuta ieri sera a Balerna: convoglio partito regolarmente da Como. E forse la vittima è salito di nascosto per evitare i controlli in frontiera.

Nuovi dettagli dall’inchiesta in corso sul tragico incidente che è costato la vita a un uomo salito sul tetto di un treno Tilo ieri sera. Il corpo, divorato dalle fiamme, è stato sottoposto ad autopsia. L’ipotesi è che si possa trattare di un migrante che voleva entrare in Svizzera evitando i controlli di frontiera. E per questo si è arrampicato sul tetto del mezzo.

L’autopsia – Una prima conferma arriva dall’autopsia svolta oggi a Lugano: l’uomo sarebbe di origini africane: «Il corpo rinvenuto è di un uomo di colore» ha riferito a tio.ch la Polizia cantonale. Ancora ignote le sue generalità: non sono stati trovati addosso a lui documenti.

Il tragitto – Le Ffs precisano che il treno Tilo S10 proveniente da Albate Camerlata, sul cui tetto l’uomo si sarebbe arrampicato di nascosto, era partito regolarmente alle 18.57 dalla stazione di Chiasso diretto ad Arbedo. Dopo un viaggio di tre minuti, il convoglio si è fermato a Balerna.