CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

UnipolSai facile con la Cimberio. Ora due settimane di fuoco con le coppe foto

I ragazzi di Bergna dominano la sfida di Seveso con Varese. E guardano avanti. Le parole del coach e di Raourahi:"Dobbiamo dare il massimo per il nostro presidente"

Il derby lombardo di basket in carrozzina (serie A) finisce nelle mani della UnipolSai Briantea84. Risultato finale di 79-49 tra i canturini e la Cimberio Varese. La classifica, però, al termine della settima giornata di ritorno riceve un verdetto inatteso in ottica play-off, confermando ormai in maniera pressoché definitiva il secondo posto dei biancoblù alle spalle di Porto Torres: la caduta di Giulianova sul campo di Santo Stefano Marche (68-63), per la seconda volta in questa stagione, impedisce qualunque tipo di risalita degli abruzzesi, indipendentemente dall’esito dello scontro casalingo in programma il 18 marzo con la UnipolSai. Prima però ci sono due settimane che dire bollenti è un eufemismo: i Campioni d’Italia sono chiamati al momento più caldo della stagione con la Coppa Italia a Pescara (3-4 marzo) e quarti di Champions Cup a Madrid (10-12 marzo).

Marco Bergna, coach Unipolsai: “Questa partita è stata preparata in particolare sulla difesa, perché nelle ultime partite non eravamo al top in questo senso. Nei primi 15’ abbiamo spinto forte, poi qualche amnesia nella seconda metà ma non è facile tenere alta l’intensità per 40’ quando il risultato è già scritto. Nonostante questo aspetto, sono contento perché abbiamo visto sul campo le cose preparate in settimana. Adesso, in prospettiva in Coppa Italia, cercheremo di lavorare sulla continuità per tutta la durata della partita. Le prossime settimane sono cruciali, dobbiamo concentrarci su una cosa per volta, step by step. Senza farci prendere dall’ansia”.

Ahmed Raourahi:“Siamo entrati bene nei primi 10’, poi abbiamo un po’ mollato. La difesa era come doveva essere, anche Varese è una squadra che ha buoni elementi che entrano facilmente. Per la Coppa Italia ci stiamo preparando per affrontare al meglio l’intera final four. Fin dall’inizio del campionato mi sono abituato subito a giocare con il gruppo, siamo una bella squadra. Ci siamo fatti trovare pronti per le qualificazioni europee, ma adesso viene la parte difficile. Dobbiamo dare il massimo per il nostro presidente: è una gran brava persona, ben più di un presidente, lo conosciamo da tanto, da quando sono arrivato in Italia. Vuole fare di tutto per la squadra e noi dobbiamo fare lo stesso”.