CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Tutto esaurito per la prima delle passeggiate creative “Sulle orme di Volta”. Aperte le liste di attesa

A causa del maltempo previsto da venerdì fino a domenica, la passeggiata “Sulle orme di Volta” – organizzata da Fondazione Alessandro Volta e coordinata da Pietro Berra – prevista per domenica 5 marzo è rinviata a sabato 11 marzo, con gli stessi orari (ritrovo alle 14.30 in piazzale don Serafino Pozzetti a Camnago Volta, rientro allo stesso punto intorno alle 18).

Le prenotazioni effettuate per la passeggiata prevista originariamente per domenica 5 saranno valide anche per quella di sabato 11.

Qualora qualcuno degli iscritti fosse impossibilitato a partecipare sabato 11 è pregato di avvisare l’organizzazione (sulleormedivolta@fondazionealessandrovolta.it)   per permettere alle persone in lista di attesa di potersi iscrivere.

 

Tutto esaurito per la prima delle sei passeggiate creative “Sulle orme di Volta” promosse dalla Fondazione Alessandro Volta nel 190° della scomparsa dell’inventore della pila.

Volta con le sue scoperte ha migliorato la vita quotidiana di tutti gli esseri umani e ha influenzato svariati campi del sapere, dalla scienza alla filosofia, dalla poesia al cinema, dalla letteratura alla musica. A Como e dintorni Alessandro Volta ha lasciato tracce importanti perché li ha vissuti sempre con la stessa curiosità che lo ha portato a inventare la pila. Dopo che nel 2015, per il 270° della nascita, Google gli aveva dedicato un Doodle visto in tutto il mondo, in questo 2017, 190° della sua scomparsa, Como, e in particolare la Fondazione Alessandro Volta, fa la sua parte per ricordarlo organizzando una serie di sei “passeggiate creative” Sulle orme di Volta, che connetteranno i temi e i luoghi voltiani.

Per la prima delle passeggiate, limitate a 150/200 partecipanti, ad appena quattro giorni dall’apertura delle iscrizioni sono stati prenotati tutti i posti disponibili per l’itinerario in programma domenica 5 marzo a Camnago Volta e chi ha fatto, o farà, domanda successivamente è stato, o sarà, messo in lista d’attesa, nel caso vi fossero delle rinunce.

Una conferma del successo di queste iniziative finalizzate ad esplorare le connessioni tra i paesaggi naturali e l’insegno umano, per (ri)scoprire la bellezza che sta intorno a noi.

Per chi si è prenotato, il ritrovo il 5 marzo sarà alle 14.30 in piazzetta Serafino Pozzetti, all’inizio della Passeggiata voltiana (ex linea del tram), che verrà percorsa fino a Solzago accompagnati dai volontari dell’associazione La Città Possibile, da lì si scende dalla stradina in acciottolato che conduce alla chiesetta di San Francesco in Ravanera, oggetto di una visita guidata a cura di Franca Ronchetti, quindi si passerà dalla villa di Volta, per poi visitare l’ultimo dei nove mulini rimasti nella zona, illustrato dal proprietario Giuseppe Muscionico, e infine la tomba dello scienziato, con guida d’eccezione l’ex ingegnere capo del Comune Clemente Tajana. Conduce Pietro Berra, giornalista e scrittore che ha ideato la serie di passeggiate creative, e accompagna l’intero percorso con il suo organetto il musicista Andrea Pizzamiglio.

passeggiate creative

Da lunedì 13 marzo si potranno prenotare i 150 posti disponibili per la seconda passeggiata, in programma domenica 2 aprile all’oasi del Bassone, con ritrovo alle 14.30 nel parcheggio dell’osteria Bassone, in via Ninguarda 40.

Si visiterà la vicina fattoria, tanto antica quanto bisognosa di restauri, appartenuta ai Volta e da lì si attraverserà l’oasi fino a raggiungere il tracciato della ferrovia Como-Milano, ideata dal figlio dello scienziato, Zanino. Quindi tappa alla Cascina Bengasi, dove sono custoditi campioni di torba e di nidi degli uccelli che vivono nell’area protetta, e visita ai due laghetti e ai fontanili. L’itinerario, organizzato in collaborazione con Scout e Wwf e con l’intervento di relatori dell’associazione Como in treno e dell’Università dell’Insubria, sarà l’occasione per approfondire la scoperta del gas delle paludi (il metano) da parte di Volta e i suoi esprimenti sulle rane, l’uno come le altre molto presenti in questa zona palustre.

passeggiate creative

Le passeggiate proseguiranno una al mese fino a settembre, con pausa in agosto: in maggio si farà camminerà “Ai bordi della città sulle orme del divo Volta”, in collaborazione con il Festival della Luce e le Primavere de La Provincia di Como, seguendo una serie di aneddoti e suggestioni che legano lo scienziato alla settima arte, da Villa Olmo al Giardino della Valle di Cernobbio, passando per l’ex cinema Volta, con la partecipazione dell’architetto-scrittore Gianni Biondillo; a giugno, nell’ambito di Parolario, si indagheranno i legami tra Volta e altri tre poeti (lui stesso, infatti, scriveva poesie), ovvero Foscolo, Leopardi e Silvio Pellico, camminando dal giardino del museo Civico fino al parco di Villa del Grumello; a luglio sarà il momento di una “Luna di miele a Gravedona”, come quella che lì trascorse lo scienziato con la moglie Teresa Pellegrini in un un’altra delle case di famiglia (collabora l’associazione Visit Gravedona ed Uniti); infine, a settembre, in occasione del 90° del faro voltiano di San Maurizio, si raggiungerà il medesimo, partendo dalla vera casa (non quella su cui è finita “per disattenzione” la targa commemorativa) in cui lo scienziato fu a balia nel centro storico del “Balcone sulle Alpi”.

passeggiate creative

Per iscrizioni: attraverso il sito www.fondazionealessandrovolta.it nella sezione news presente nella home page o telefonando al numero 031 579848.

Per informazioni: sulleormedivolta@fondazionealessandrovolta.it   

 

E’ possibile rimanere aggiornati sulle “Passeggiate creative” attraverso l’omonima pagina o aderendo alla mailing list (per essere inseriti, scrivere a passeggiatecreative@pietroberra.com)