CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Profughi a Como, scontro tra Lega Nord e Cgil: presidio e accuse foto

I militanti del Carrocccio contestano il sindacato che replica con una nota dura. E chiede l'intervento del Governatore Maroni. Leggi tutto.

La lega Nord da una parte, la Cgil dall’altra. O meglio, ai piani superiori della sede di via Italia Libera a Como. Scontro a distanza questa mattina sui migranti tra i militanti della Lega – presenti con la segretaria cittadina Alessandra Locatelli – e la Cgil: al presidio svolto dalla Lega – “per ascoltare i cittadini comaschi sulle loro difficoltà e non distribuire cellulari ai clandestini” hanno fatto sapere la Locatelli e soci, ha risposto la Cgil con una nota firmata anche dalla segreteria regionale

Riteniamo inaccettabile che una forza politica che governa questa Regione, protesti davanti a una sede della CGIL, peraltro a una settimana di distanza da un altro grave episodio organizzato da Forza Nuova. Chiediamo al presidente Maroni, al quale riconosciamo la titolarità di governo della Regione, di prendere le distanze da tali iniziative, proprio in ragione del fatto che, oltre a essere la CGIL un interlocutore rappresentativo ai molti tavoli di confronto, la stessa CGIL collabora e si è messa a disposizione delle istituzioni locali – Comune e Prefettura – per sostenere le iniziative d’integrazione e accoglienza